• Icardi risponde a Bale dal dischetto. Poi sono i rigori a regalare la vittoria ai nerazzurri

    Icardi risponde a Bale dal dischetto. Poi sono i rigori a regalare la vittoria ai nerazzurri

    REAL MADRID vs INTER 3-4 (d.c.r.)  Marcatori: 10′ Bale (RM), 68′ rig. Icardi (I) Ammoniti: Ranocchia (I), De Tomas (RM), Medran (RM), Carvajal (RM), M’Vila (I). REAL MADRID (4-3-3): 25 Lopez (46′ Jesus Fernandez); 15 Carvajal, 3 Pepe, 18 Nacho, 34 Diego Llorente; 23 Isco, 24 Illarramendi, 26 Medran (67′ Derik); 27 Vazquez, 35 De Tomas (52′ Sobrino), 11 Bale (46′ Marcos Llorente). A disposizione: 1 Casillas, 2 Varane, 4 Ramos, 5 Coentrao, 6 Khedira, 7 Ronaldo, 9 Benzema, 12 Marcelo, 14 Alonso, 16 Casemiro, 17 Arbeloa, 19 Modric, 20 Rodriguez, 21 Morata, 22 Di Maria. Allenatore: Carlo Ancelotti. INTER (3-5-1-1):  1 Handanovic (65′ Carrizo 30); 23 Ranocchia (65′ Andreolli 6), 15 Vidic, 5 Juan Jesus; 33 D’Ambrosio, 2 Jonathan (89′ Bonazzoli 97), 17 Kuzmanovic (65′ M’Vila 90), 20 Obi (78′ Khrin 44), 22 Dodò (78′ Nagatomo 55); 19 Botta (82′ Laxalt 93), 9 Icardi. A disposizione: 7 Schelotto, 21 Taider, 25 Mbaye, 26 Silvestre, 28 Puscas, 46 Berni.  Allenatore: Walter Mazzarri. Arbitro: Ricardo Salazar (USA) CRONACA: Sequenza calci di rigore REAL MADIRD Isco: parato Vazquez: gol Fernandez: gol Illarramendi: parato Mascarell: alto INTER Vidic: gol Nagatomo: parato M’Vila: palo Juan Jesus: gol Icardi: gol   90′+2′- FISCHIO FINALE Si va ai calci di rigore. 90′- Concessi 2′ di recupero. 89′- Qualche istante anche per Bonazzoli che prende il posto di Jonathan. 85′- M’Vila entra duro su Illarramendi guadagnandosi il cartellino giallo. 84′- Laxalt salta un uomo e calcia da fuori senza trovare la porta. Buona iniziativa dell’uruguaiano. 82′- Altro cambio nell’Inter dove Laxalt rileva Botta. 80′- Icardi calcia alle stelle da ottima posizione. 79′- Miracoloso intervento di Jesus Fernandez su tiro ravvicinato di Andreolli. 78′- Il gioco riprende con Nagatomo e Krhin in campo per Dodò e Obi. 77′- Gioco interrotto per un’invasione di campo da parte di un bambino con la maglia del Real Madrid. 72′- Numero strepitoso di Dodò su Carvajal. Il terzino del Real Madrid non digerisce il tunnel e rifila un calcione da dietro al brasiliano. Giallo sacrosanto per lui. 68′- GOL INTER Icardi trasforma il penalty con un delizioso tocco sotto che spiazza il portiere. 67′- Sobrino spinge Vidic in area e per Salazar è calcio di rigore. 65′- Mazzarri inserisce M’Vila, Carrizo e Andreolli per Kuzmanovic, Handanovic e Ranocchia. Adesso il capitano è Juan Jesus. 60′- Juan Jesus cerca di sfondare a sinistra, ma poi commette fallo su Carvajal. 58′- Medran entra durissimo su D’Ambrosio. Giallo anche per lui. 55′- Buona iniziativa di D’Ambrosio che però calcia debolmente tra le braccia del portiere. 52′- Nel Real Madrid Ruben Sobrino prende il posto di un nervoso De Tomas. 46′- INIZIO SECONDO TEMPO Comincia la ripresa tra Real Madrid e Inter allo stadio “California Memorial Stadium” di Berkeley. 45′- FINE PRIMO TEMPO Si va negli spogliatoi con il Real Madrid in vantaggio per 1-0 grazie al gol di Bale al 10′. 44′- Botta mette a sedere due avversari e scarica un buon sinistro alto di poco. 43′- Pepe anticipa Icardi e serve inavvertitamente Obi che da fuori area calcia alto. 42′- Tentativo coraggioso di Ranocchia che prova il destro dai trenta metri. Palla altissima. 37′- Buona combinazione sulla destra tra Jonathan e D’Ambrosio che porta ad un traversone al centro dove Obi manca per poco la deviazione vincente. 32′- Sul corner di Isco, Llorente cerca l’incornata senza però trovare la porta. 31′- Bomba di Bale respinta in angolo da Handanovic. 30′- Ranocchia entra duro su De Tomas guadagnandosi il primo cartellino giallo del match. 25′- Prolungato possesso palla del Real che pare avere in pugno la partita. 22′- Interessante cross di Dodò per Jonathan che di testa non inquadra la porta. 20′- I nerazzurri provano a reagire dopo il gol di Bale. 16′- Sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Jonathan, controtraversone di Kuzmanovic deviato da Vidic, ma Diego Lopez esce e fa sua la palla. 13′- Botta guadagna una buona punizione. Dodò pennella al centro ma la retroguardia del Real Madrid allontana. 10′- GOL REAL MADRID Bale prende palla sulla trequarti e scaraventa un sinistro terrificante alle spalle di Handanovic. Gran gol del gallese, ma tutto troppo facile. 8′- Primi minuti in apnea per i nerazzurri che soffrono la personalità degli spagnoli. 6′- Pasticcio di Juan Jesus in disimpegno che manda Bale all’uno contro uno con Ranocchia: il capitano nerazzurro è bravo a non farsi saltare e a disinnescare il gallese. 4′- Gareth Bale anticipa D’Ambrosio e colpisce la traversa incornando un traversone dalla destra. Subito brividi per Handanovic. 1′- CALCIO D’INIZIO Allo stadio “California Memorial Stadium” di Berkeley ha inizio Real Madrid-Inter, valida per la Guinness International Champions Cup 2014.

    continue reading »

     
     
  • Tante occasioni, un solo gol: l’Inter batte il Prato grazie all’incornata di Mbaye

    Tante occasioni, un solo gol: l’Inter batte il Prato grazie all’incornata di Mbaye

    INTER vs PRATO 1-0 Marcatori: 69′ Mbaye (I) INTER (3-5-2): 1 Handanovic (46′ Carrizo 30); 23 Ranocchia (76′ Silvestre 26), 15 Vidic (46′ Andreolli 6), 5 Juan Jesus; 33 D’Ambrosio (68′ Mbaye 13), 2 Jonathan (62′ Laxalt 93), 17 Kuzmanovic (46′ M’Vila 18), 10 Kovacic (68′ Puscas 28), 20 Obi (76′ Steffè 16); 97 Bonazzoli (65′ Schelotto 7), 9 Icardi. A disposizione: 24 Sciacca, 25 Palazzi, 27 Ventre, 29 Rocca. Allenatore: Walter Mazzarri. PRATO (4-3-1-2): 1 Ivusic (60′ Brunelli 12); 2 Bandini, 5 Ghidotti, 6 Rickler (60′ Bengala 16), 3 Eguelfi (60′ Longo 13); 7 Romanò, 4 Pasa (85′ Matteo 15), 8 Cavagna; 10 Gabbianelli (60′ Grifoni 17); 9 Ogunseye (60′ Fofana 18), 11 Benedetti. A disposizione: 14 Miccinesi. Allenatore: Vincenzo Esposito. Arbitro: Stefano Denis CRONACA: FINISCE QUI – Il ritiro di Pinzolo si chiude con la vittoria dell’Inter sul Prato grazie al gol di Mbaye. 90′ – Ultima occasione del match con Puscas che sfiora il palo di testa, su cross di Mbaye. 88′ – Conclusione di Laxalt dalla distanza. Palla distante dalla porta di Brunelli. 87′ – Cross di Mbaye dalla trequarti. Icardi sfrutta un buco di Ghidotti, ma non riesce a concludere con forza verso la porta avversaria. 85′ – Cambio per Esposito: Matteo prende il posto di Pasa. 83′ – Fofana impegna Carrizo dopo una bella discesa. La conclusione mancina sul primo palo è deviata in angolo dall’estremo difensore argentino. 80′ – Icardi vicinissimo al 2-0. Il numero 9 nerazzurro controlla in area, salta il diretto avversario ma trova sulla sua strada un grande Brunelli. 79′ – Discesa di Schelotto, che serve Puscas al centro dell’area. Da posizione favorevole l’attaccante della Primavera nerazzurra si fa rimpallare il tiro. 76′ – Ranocchia lascia il posto a Silvestre. La fascia di capitano passa sul braccio di Mbaye. Dentro anche Steffè al posto di Obi. 73′ – Retropassaggio rischioso di Ranocchia. Carrizo anticipa Fofana e rilancia. 71′ – Cross di Laxalt, Schelotto colpisce sporco di testa. Brunelli raccoglie senza problemi. 69′ – GOL INTER – Subito in gol Mbaye, che sfrutta le sue doti aeree su calcio d’angolo e batte Brunelli. 1-0 Inter 68′ – Altri due cambi per l’Inter: Puscas e Mbaye per Kovacic e D’Ambrosio 67′ – Cross di Juan Jesus per Schelotto, anticipato da Bandini. 65′ – Bonazzoli lascia il posto a Schelotto. Mazzarri schiera i suoi con un 4-3-3: Kovacic, M’Vila e Obi a centrocampo, Laxalt e Schelotto gli esterni, con Icardi punta. 62′ – Cambio anche per Mazzarri: Laxalt per Jonathan. L’Inter passa a 4 in difesa, con D’Ambrosio, Andreolli, Ranocchia e Juan Jesus. 60′ – Serie di cambi per il Prato: fuori Ivusic, Rickler, Eguelfi, Gabbianelli e Ogunseye dentro Brunelli, Bengala, Longo, Grifoni e Fofana. 58′ – Conclusione di Jonathan da posizione defilata. Ivusic si salva in due tempi sul primo palo. 54′- Romanò guadagna una punizione dal lato corto dell’area nerazzurra per un fallo di Ranocchia. Sugli sviluppi del calcio da fermo, Rickler non riesce a impensierire Handanovic. 51′ – Occasionissima per Jonathan: percussione dell’esterno brasiliano, che viene stoppato da Eguelfi al momento della conclusione. 49′ – Tiro dalla distanza di D’Ambrosio. Conclusione potente, ma centrale. Ivusic blocca con sicurezza. 46′ – Comincia la ripresa con tre novità nella formazione nerazzurra: Mazzarri inserisce Carrizo, Andreolli e M’Vila al posto di Handanovic, Vidic e Kuzmanovic. 45′ – FINE PRIMO TEMPO – L’Inter ci prova in tutti i modi, ma non riesce a trovare la via del gol, più per imprecisioni sottoporta che per la bravura di Ivusic, protagonista comunque di una bella parata su Obi. Si chiude sullo 0-0 la prima frazione di gioco. 44′ – Cross di D’Ambrosio dalla destra. Troppo lungo per Icardi, che non riesce ad arrivare sul pallone. 40′ – Occasionissima per Obi. Il solito Kovacic inventa, Jonathan serve il nigeriano sulla sinistra, ma il diagonale viene deviato da Ivusic quel tanto che basta per mandare la palla in corner. 37′ – Assist di Kovacic per Bonazzoli, che si fa recuperare da Eguelfi al momento del tiro. 34′ – Kovacic-Jonathan-Bonazzoli, combinazione tutta di prima, che mette l’attaccante bresciano in condizioni di calciare dal vertice destro dell’area. La conclusione, però, è debole e Ivusic può bloccare senza problemi. 32′ – Rasoterra di Kovacic dalla lunetta. Palla che esce di un soffio alla destra di Ivusic. 30′ – Si fa vedere anche il Prato. Ogunseye prova a sorprendere la difesa nerazzurra con un assist per Benedetti, ma Ranocchia intercetta tutto e libera l’area. 28′ – Icardi stoppa e calcia dal limite. Il tiro dell’argentino, da posizione favorevole, è impreciso. Palla alta sopra la traversa. 27′ – Inter ancora pericolosa sull’asse Kovacic-Icardi. Il talento croato serve Icardi alle spalle della difesa avversaria. Ma per il guardalinee parte da posizione irregolare. 23′ – Colpo di tacco di Icardi per Bonazzoli. Ivusic anticipa il numero 97 nerazzurro e blocca al limite dell’area. 21′ – Fantastica galoppata di Mateo Kovacic, che salta due avversari e conclude con il sinistro a incrociare. Palla fuori di un soffio. 19′ – Filtrante di Kovacic per Obi, che viaggia sulla sinistra ma viene controllato bene da Bandini. 15′ – Jonathan in profondità per Bonazzoli. Palla leggermente lunga per l’attaccante bresciano. 13 – Kovacic illumina, scambiando con Icardi e liberando Obi sul lato corto dell’area. Il cross rasoterra del centrocampista nigeriano è intercettato da Rickler. 10′ – Prima occasione sull’asse Kovacic-Icardi. Splendida accelerazione del giovane croato, che serve il numero 9 nerazzurro al limite dell’area. Maurito entra in area ma non trova la porta calciando di punta. 7′ – L’Inter prova a tessere trame di gioco interessanti, ma fatica a trovare spazi nel muro costruito dagli avversari. 4′ – Fase di studio tra le due squadre, con Jonathan che sembra ancora una volta il più ispirato tra i nerazzurri. 2′ – Subito punizione per l’Inter dal limite dell’area. I nerazzurri tentano uno schema, con Icardi che serve Jonathan. L’esterno brasiliano viene messo giù in area, ma per l’arbitro è tutto regolare. 1′ – Comincia l’amichevole tra Inter e Prato, secondo test della stagione, che chiuderà il ritiro di Pinzolo.

    continue reading »

     
     
  • Le vecchie glorie di Inter e Real Madrid impattano sul 2-2. Zanetti e Zidane mattatori del match

    Le vecchie glorie di Inter e Real Madrid impattano sul 2-2. Zanetti e Zidane mattatori del match

    Una partita che rievoca incontri memorabili e giocatori immortali, almeno per la memoria dei tifosi che li hanno acclamati e supportati per tutto l’arco della propria carriera. Un turbinio di emozioni che ci cattura e ci travolge, facendo riaffiorare il passato. Un ricordo incancellabile che permette agli eroi della nostra infanzia di non invecchiare, nonostante i movimenti siano più lenti e i volti tutt’altro che insensibili al trascorrere degli anni. Il Santiago Bernabeu ha ospitato le vecchie glorie del Real Madrid e quelle dell’Inter, protagoniste di una sfida senza tempo. Da Zanetti a Zidane, passando per Figo e Zamorano, fino ad arrivare a Cordoba,  Butragueno, Hierro, Toldo, Berti, Beccalossi e tanti altri. Tra le fila nerazzurre, anche chi è transitato da Milano per poco tempo senza incantare l’esigente piazza meneghina: Choutos, Milanese, Centofanti e così via. La gara si è conclusa sul punteggio di 2-2. Un primo tempo gradevole, durante il quale sono saliti in cattedra Zinedine Zidane e Javier Zanetti, veri e propri mattatori del match. Il primo, al 18′, si prende gioco di Paganin e batte Toldo, incolpevole sul tiro del fuoriclasse francese. Il secondo sfodera una gran conclusione dalla distanza, depositando il pallone all’incrocio dei pali, dopo una buona accelerazione di Suazo e un’azione manovrata da parte della squadra nerazzurra. Da segnalare le buone prestazioni dell’honduregno, capace di scardinare la difesa madrilena con la sua velocità, e di Sergio Conceiçao, abile nel dribbling e nel conquistare il fondo più volte nel corso dei primi quarantacinque minuti. A pochi minuti dall’intervallo ancora Zidane sfiora la doppietta, mettendo a sedere Zé Maria in uno dei confronti più impari della storia del calcio e colpendo il palo alla sinistra del portiere. Dimostrazione che il fisico cambia, ma la classe resta. Nella ripresa inizia la girandola dei cambi, mentre la fatica ed il caldo cominciano a condizionare l’andamento del match. Figo e Zamorano, in virtù di un passato diviso tra Madrid e Milano, cambiano maglia e si uniscono alla causa nerazzurra. Al 68′, Ivan Perez rompe gli indugi e, di testa, supera Pagliuca. La squadra guidata da Walter Zenga, però, non si arrende e trova, a poco più di dieci minuti dalla fine, l’insperato pareggio con il più impensabile tra gli attaccanti, Lampros Choutos, abile a sfruttare il preciso cross di Zanetti. Al termine della gara, tutti contenti e soddisfatti: il greco potrà finalmente raccontare di aver segnato il primo gol con la maglia della Beneamata, l’Uomo Ragno di aver guidato la sua Inter, anche solo per una volta. Gli applausi scroscianti per l’uscita dal campo dell’eterno capitano interista e per Zinedine Zidane, idoli assoluti delle due tifoserie, rappresentano il giusto epilogo della partita.                                        

    continue reading »

     
     
  • L’Inter si rialza subito: 4-1 alla Lazio e grande festa per Zanetti

    L’Inter si rialza subito: 4-1 alla Lazio e grande festa per Zanetti

    INTER vs LAZIO 4-1 Marcatori: 2′ Biava (L), 7′ Palacio (I), 35′ Icardi (I), 37′ Palacio (I), 79′ Hernanes (I) Ammoniti: 30′ Palacio (I), 46′ Onazi (L) Espulsi: INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 23 Ranocchia, 25 Samuel, 35 Rolando; 2 Jonathan (53′ Zanetti 4ever ), 88 Hernanes, 17 Kuzmanovic (74′ Taider 21), 10 Kovacic, 55 Nagatomo; 8 Palacio (64′ Milito 22), 9 Icardi. A disposizione: 12 Castellazzi, 30 Carrizo, 6 Andreolli, 14 Campagnaro, 33 D’Ambrosio, 11 Alvarez, 13 Guarin, 20 Botta. Allenatore: Walter Mazzarri LAZIO (3-4-3): 1 Berisha; 20 Biava, 27 Cana, 3 Dias; 15 Gonzalez (46′ Ledesma 24), 23 Onazi (68′ Candreva 87), 5 Biglia, 17 Pereirinha; 7 Felipe Anderson (83′ Minala 58), 11 Klose, 14 Keita A disposizione: 95 Strakosha, 55 Guerrieri, 2 Ciani, 16 Elez, 85 Novaretti, 6 Mauri, 48 Filippini, 60 Pollace, 34 Perea. Allenatore: Edy Reja Arbitro: Massa CRONACA: Fine partita: L’Inter batte la Lazio 4-1 e ora può festeggiare con i suoi tifosi l’addio al calcio del Capitano. E’ stata una prestazione incoraggiante, segnata dalla determinazione dei ragazzi: tutto un altro atteggiamento rispetto al derby. Mazzarri forse riconquista i tifosi. Ora spazio alla festa! 90′ + 3: La Lazio chiude con la palla tra i piedi. Finisce la partita: i compagni abbracciano Zanetti 90′ + 2: Ultimi secondi della partita. Tre minuti di recupero 90′ Invasione di campo che interrompe la gara. Il tifoso nerazzurro viene scortato anche da Zanetti 89′ Cross di Nagatomo per Milito: intercettato da Berisha. Angolo per la Lazio 87′ Ultimi minuti da giocare. L’Inter tiene palla e prova a gestire 85′ Chiusura di Rolando in fallo laterale. E’ rimasto a terra Ledesma dopo uno scontro con Ranocchia 84′ Nagatomo lanciato da Hernanes in area tira ma Berisha blocca 83′ Entra Minala per la Lazio al posto di Anderson. 81′ La Lazio prova a partire in contropiede: bella chiusura di Ranocchia 79′ GOL DELL’INTER: Tiro a giro sul secondo palo di Hernanes che insacca e non esulta: 4-1 76′ Icardi guadagna fallo e fa respirare la squadra. Nerazzurri sotto assedio negli ultimi minuti! 75′ Hernanes sbaglia il controllo sul contropiede lanciato da Milito. Handa respinge ancora su Candreva 74′ Esce Kuzmanovic e entra Taider. Ultimo cambio per Mazzarri 73′ Miracolo di Handanovic che respinge coi piedi il tiro deviato da Rolando! 72′ Nagatomo prova l’inserimento in area ma commette fallo su Biglia 70′ Keita sbaglia un gol da solo in mezzo all’area: Inter graziata 68′ Candreva entra al posto di Onazi. Zanetti fa uno scatto dei suoi sulla fascia ma poi non riesce a crossare 67′ Altro tiro forte di Keita in area: bravo Handanovic a respingere in angolo 65′ Entra Milito per Palacio che finisce così la stagione per la diffida. Altra ovazione per il Principe! 64′ La Lazio si lancia in contropiede ma Ledesma sbaglia di misura la palla 61′ Cross lungo per la Lazio che prova a trovare il 3-2 che riaprirebbe il match 60′ Si scalda anche Milito fuori dal campo. La Lazio ci prova ancora con Biglia che tira fuori 58′ Tiro pericoloso di Keita da fuori, esce di poco 57′ L’Inter tiene palla con Kuzmanovic a centrocampo 55′ Occasione per la Lazio: super Handanovic su Biava che colpisce di testa in mezzo all’area 53′ Entra il Capitano!!! Esce Jonathan per fargli spazio: San Siro risponde con una ovazione 51′ L’Inter gestisce la palla e imbuca per Nagatomo. La difesa laziale respinge 50′ La Lazio prova a tenere palla ma non riesce a far male ad Handa. Zanetti toglie la pettorina 49′ Cross sbagliato di Jonathan dalla destra 47′ L’Inter riparte bene, palla interessante di Kovacic per Jonathan, di poco lunga 46′ Inizia il secondo tempo: nella Lazio è entrato Ledesma per Gonzalez Fine primo tempo: Buona prestazione dell’Inter che, dopo essere passata subito in svantaggio, ha reagito e poi segnato i gol della “sicurezza”. Super Kovacic, Icardi e Palcio ci sono. Ora un bel secondo tempo per festeggiare il Capitano! 45′ Non ci sarà recupero. Ultimi secondi da giocare 44′ Ora il ritmo è più basso. La Lazio prova a riorganizzarsi 42′ Lancio lungo a smarcare Jonathan ma in area non c’è nessuno per il cross. Calcio d’angolo per l’Inter sull’azione successiva 40′ Zanetti comincia il riscaldamento a centrocampo, Mazzarri lo farà entrare nel secondo tempo. 38′ GOL DELL’INTER: Bel cross basso dalla sinistra di Nagatomo: Palacio anticipa Cana e segna il 3-1 37′  Kovacic giganteggia in mezzo al campo. Possesso nelle mani dell’Inter 35′ GOL DELL’INTER: Assist millimetrico dalla trequarti di Kovacic per Icardi che la incrocia sul secondo palo: secondo assist per Kovacic e 2-1 per l’Inter 34′ Possesso per l’Inter che fa fatica a sfondare 32′ Palacio si libera in area e prova il passaggio indietro per Icardi, intercettato 30′ Ammonizione per Palacio che era diffidato e salterà il Chievo 28′ Bella azione orchestrata da Kovacic, poi Palacio sbaglia il cross verso Jonathan 26′ Icardi subisce fallo a centrocampo e fa respirare la squadra 25′ Fallo di Samuel vicino all’area interista, la Lazio batte veloce la punizione 24′ Hernanes calcia a botta sicura in mezzo all’area ma centra Palacio, peraltro in fuorigioco. Poi occasione per la Lazio: Keita tiro forte, Handa respinge coi pugni 23′ Klose sguscia alla difesa in area, esce Handanovic che la prende e poi si scontra col tedesco 22′ Non la prende nessuno sulla punizione: Samuel stacca a vuoto 21′ Fallo di Biglia a centrocampo: punizione per l’Inter 19′ Palla della Lazio sulla fascia sinistra: Nagatomo respinge 18′ Fallo duro di Jonathan su Pereirinha: l’arbitro non ammonisce 17′ L’inter gioca bene in ripartenza: sembra una altra squadra rispetto al derby 16′ Ancora Kovacic con un numero sulla fascia, poi Palacio prova il destro ma Berisha c’è 13′ La Lazio riesce a uscire: palla lunga per Gonzalez, troppo lunga 12′ Tiro di Nagatomo che Berisha non blocca: calcio d’angolo 11′ Icardi prova l’uno-due con Palacio in area ma la giocata non riesce. Palla ancora dell’Inter 10′ La Lazio prova a rendersi pericolosa vicino all’area ma Ranocchia è bravo a coprire 9′ Possesso palla della Lazio, fermata da Samuel: ma l’Inter è imprecisa nel far partire l’azione 8′ Hernanes prova il filtrante per Palacio sull’esterno ma la difesa intercetta 7′ GOL DELL’INTER: Palacio, smarcato da Kovacic in mezzo all’area, la sfiora e batte Berisha: 1-1 6′ San Siro prova a incitare la squadra. Possesso palla di Nagatomo 5′ Calcio di punizione per la Lazio a centrocampo: fallo di Kuzmanovic 4′ L’Inter prova a reagire: tiro di Hernanes da fuori che finisce a lato non di molto 2′ GOL DELLA LAZIO – Su cross dalla sinistra la mette dentro Biava di testa. San siro è gelato 1′ Hernanes perde palla in mezzo al campo: calcio d’angolo per la Lazio Calcio d’inizio: batte l’Inter il primo pallone della serata. Zanetti parte dalla panchina dopo l’ovazione del pubblico all’annuncio del suo nome da parte dello speaker  

    continue reading »

     
     
  • Primavera, un pareggio che sa di impresa. Inter in 9, Camara la salva in extremis: è 1-1 col Varese

    Primavera, un pareggio che sa di impresa. Inter in 9, Camara la salva in extremis: è 1-1 col Varese

    Dopo il pari nel derby arriva ancora un pareggio 1-1 per la Primavera interista a Gavirate contro i pari età del Varese. Un risultato raggiunto nei minuti finali in nove uomini contro undici dimostrando grande tenacia e temperamento. Cerrone cambia modulo per l’occasione optando per il 4-2-3-1. In porta torna Maniero mentre in difesa da destra a sinistra agiscono Longo, Sciacca, Yao ed Eguelfi. A centrocampo torna il capitano Tassi con al suo fianco Dabo, sulla trequarti invece c’è Acampora con a destra Camara e a sinistra Polo pronti a supportare l’unica punta Puscas. La partita si dimostra fin dai primi minuti molto equilibrata con l’Inter che prova a macinare gioco mentre il Varese aspetta chiudendo tutti gli spazi. Le occasioni latitano e la prima situazione degna di nota è al 26′ la sostituzione di Puscas, infortunato, con Bonazzoli. Passa un minuto e l’Inter sfiora il vantaggio con un siluro di Tassi su punizione dai trenta metri che costringe il portiere del Varese Bordin alla deviazione affannosa in corner. Proprio sul finale di primo tempo il match cambia volto: fallo di Longo su Cornacchia che per l’arbitro Oliveri di Palermo è meritevole del calcio di rigore e del cartellino rosso per intervento da ultimo uomo. Sul dischetto si presenta il portiere Bordin che batte Maniero portando in vantaggio il Varese. Nonostante l’uomo in meno i ragazzi di Cerrone continuano a gestire i ritmi dell’incontro anche nella ripresa e al 64′ arriva una clamorosa occasione per rimettere in parità il risultato: fallo di mani in area biancorossa e rigore per l’Inter. Si incarica della battuta Camara che però si fa ipnotizzare dal portiere Bordin, vero e proprio protagonista di giornata. I nerazzurri spingono a più non possono ma senza riuscire a costruire occasioni da rete fino all’85′ quando restano addirittura in nove per il rosso a Dabo per doppio giallo. Quando sembra tutto finito, a pochi secondi dal termine dei cinque minuti di recupero ordinati da Oliveri, il difensore del Varese Simionato buca un facile intervento spianando la strada a Camara che si invola verso Bordin e stavolta lo batte di giustezza con un preciso diagonale consentendo all’Inter di conquistare un punto insperato che non fa classifica (le prime due posizioni sono oramai lontane ndr) ma fa certamente morale per la truppa di Cerrone.

    continue reading »

     
     
  • Primavera: Milan-Inter 1-1. Polo risponde a Pinato, è pareggio al “Vismara”

    Primavera: Milan-Inter 1-1. Polo risponde a Pinato, è pareggio al “Vismara”

    MILAN vs INTER  1-1 Marcatori: 38′ Pinato (M), 52′ Polo (I) Ammoniti: 3′ Ivusic (I), 33′ Paramatti (I), 67′ Calabria (M) Espulsi: MILAN (4-3-3): Gabriel; Calabria, Pacifico, Simic, Tamas; Mastalli, Piccinocchi, Benedicic; Pedone (61′ Fabbro), Barisic (85′ Vassallo), Pinato. A disposizione: Gori, De Santis, Modic, Saporetti, Iotti, Felicioli, Lo, Aniekan, Ferrari. Allenatore: Filippo Inzaghi INTER (4-2-3-1): Ivusic; Longo, Paramatti, Sciacca, Eguelfi; Dabo, Palazzi; Camara, Botta (77′ Tassi), Polo (89′ Mira); Bonazzoli (77′ Puscas). A disposizione: Maniero, Pinton, Yao, Gaiola, Baldini, Mira, Ventre, Bigotto, Capello, Acampora. Allenatore: Salvatore Cerrone Arbitro: Marini CRONACA: FINISCE QUI – Termina con un pareggio il terzo confronto stagionale tra Milan e Inter. Al vantaggio di Pinato risponde Andy Polo. I nerazzurri di Salvatore Cerrone torneranno in campo sabato sul campo del Varese. 90+4′ – Occasione per Puscas dopo una bella discesa di Camara. Piccinocchi recupera sul numero 20 nerazzurro e si rifugia in angolo. 90+2′ – Contropiede di Puscas, che scappa alla difesa rossonera e calcia a incrociare trovando la risposta di Gabriel. 90′ – Segnalati sei minuti di recupero. 89′ – Terzo cambio per Cerrone: Mira prende il posto dell’autore del gol Andy Polo. 87′ – Cross di Longo per Puscas. Pacifico salva tutto anticipando il centravanti nerazzurro. 85′ – Secondo cambio nelle file del Milan: Dentro Vassallo per Barisic. 81′ – Mancino dal limite di Benedicic, palla alta sopra la traversa. 77′ – Doppio cambio per Cerrone: Tassi per Botta e Puscas per Bonazzoli. 75′ – Pericoloso batti e ribatti nell’area nerazzurra, ma il Milan non riesce a fare male a Ivusic. 73′ – Qualche problema fisico per Eguelfi dopo un contrasto di gioco. 70′ – Conclusione dai 20 metri di Benedicic, palla fuori di un paio di metri alla sinistra di Ivusic. 69′ – Barisic al centro per Fabbro, che devia debolmente verso Ivusic. 67′ – Ammonito Calabria per un intervento in ritardo su Federico Bonazzoli. 66′ – Cross di Mastalli dalla destra. Pallone troppo su Ivusic, che blocca senza problemi. 61′ – Primo cambio per Inzaghi: fuori Pedone, dentro Fabbro. 59′ – Sugli sviluppi del corner, Eguelfi rischia di beffare Gabriel con un contro-cross che costringe l’estremo difensore brasiliano a rifugiarsi in angolo con un colpo di reni. 58′ – Discesa pericolosa di Camara, stoppato in angolo al momento del cross. 56′ – Punizione di Pinato dal limite. Ivusic si salva in angolo. 54′ – Il Milan si ributta subito in avanti con Barisic che non arriva a colpire di testa sul cross di Mastalli. 52′ – GOL INTER – Seconda rete in maglia nerazzurra di Andy Polo, che sfrutta alla perfezione l’assist di Botta e pareggia i conti. 49′ – Splendida giocata di Ruben Botta che si libera al limite dell’area e calcia a giro sul secondo palo. L’argentino non trova la porta solo per colpa di una leggera deviazione. 47′ – Azione solitaria di Benedicic, stoppato dalla retroguardia nerazzurra. 46′ – Comincia la ripresa al centro sportivo “Vismara”. Nessun cambio nelle due squadre. FINE PRIMO TEMPO – Si chiude con il Milan in vantaggio la prima frazione di gioco. I nerazzurri pagano l’ennesima disattenzione della stagione e regalano a Pinato il gol che fissa momentaneamente il risultato sull’1-0. 45+1′ – Cross di Polo dalla sinistra, Camara calcia di prima intenzione ma trova la risposta di Gabriel. 45′ – Segnalato un minuto di recupero. 43′ – Gioco fermo per l’infortunio di Mastalli. Dopo le cure dello staff medico rossonero, il centrocampista di Inzaghi sembra però pronto a rientrare. 41′ – Prova a reagire subito l’Inter, con capitan Eguelfi che guida la ripartenza nerazzurra. Camara scambia con Botta e va al tiro ma viene stoppato in angolo. 38′ – GOL MILAN – Clamorosa disattenzione dei nerazzurri (l’ennesima della stagione): Pinato approfitta del rinvio errato di Sciacca e batte Ivusic concludendo sul primo palo. 36′ – Che rasoiata di Eguelfi! Il terzino nerazzurro sfiora un grandissimo gol con un potente rasoterra dai 30 metri. Palla che sfiora il palo alla sinistra di Gabriel. 34′ – Ammonizione per Paramatti dopo un duro fallo di gioco. 34′ – Buona trama dell’Inter, con Botta che serve sulla sinistra Andy Polo: appoggio del peruviano per Bonazzoli che calcia di sinistro trovando la risposta di Gabriel. 33′ – Tentativo dalla sinistra di Barisic, il cui cross termina comodo tra le braccia di Ivusic. 30′ – Barisic pescato in fuorigioco su una verticalizzazione di Pinato. 28′ – Buco della retroguardia rossonera, Bonazzoli prova ad approfittarne ma viene fermato in extremis da Simic. 25′ – Brivido per la difesa dell’Inter, con il pallone crossato dalla destra da Piccinocchi che taglia tutta l’area senza che Benedicic riesca a intervenire sul secondo palo. 21′ – Clamorosa occasione per l’Inter, con la palla che arriva sui piedi di Camara dopo il tentativo di Botta. L’ala nerazzurra, però, non riesce a concludere con il destro e si fa stoppare da Pacifico. 19′ – Assolo di Ruben Botta, che percorre 30 metri palla al piede e, una volta arrivato al limite dell’area, calcia verso la porta di Gabriel, trovando l’opposizione della retroguardia rossonera, che devia la conclusione dell’argentino in angolo. 17′ – Dopo un inizio frenetico, fase di studio per le due squadre, con il Milan che cerca di fare la partita e l’Inter pronta a colpire in contropiede. 13′ – Pericolo per l’Inter sul cross di Tamas. Barisic prova a colpire di testa ma viene ostacolato da Paramatti, che favorisce l’intervento di un coraggioso Ivusic. 10′ – Pallone lungo per Barisic. Ivusic è in vantaggio e blocca in uscita. 6′ – Splendido contropiede condotto da Ruben Botta, che serve Polo il profondità. L’attaccante peruviano brucia la difesa rossonera ma trova l’ottima opposizione di Gabriel, che salva la sua porta con un grande intervento. 3′ – Disattenzione difensiva dei nerazzurri. Ivusic interviene in scivolata fuori dall’area ma sbaglia il tempo e rimedia un cartellino giallo. 2′ – Subito gol annullato al Milan: Pinato batte Ivusic incornando su calcio d’angolo battuto dalla sinistra, ma Marini vede un fallo in area. 1′ – Comincia il derby: il primo pallone è dei nerazzurri. Squadre in campo, tra poco il calcio d’inizio del match. Giornata di grande calcio al centro sportivo “Vismara”, dove tra pochi minuti andrà in scena il derby Primavera tra Milan e Inter. Le squadre di Inzaghi e Cerrone si affrontano per la terza volta in stagione dopo il successo ottenuto dai nerazzurri nei quarti di coppa Italia (3-1 dopo i tempi supplementari, ndr) e la rivincita dei cugini nella partita di andata del campionato di categoria (2-0 per i rossoneri al “Facchetti”, ndr).

    continue reading »

     
     
  • La doppietta di Icardi non basta. L’Inter si fa rimontare e Milito sbaglia dal dischetto: col Bologna è 2-2

    La doppietta di Icardi non basta. L’Inter si fa rimontare e Milito sbaglia dal dischetto: col Bologna è 2-2

    INTER vs BOLOGNA 2-2 Marcatori: 6′ Icardi (I), 34′ Pazienza (B), 63′ Icardi (I), 72′ Kone (B) Ammoniti: 39′ Mantovani, 80′ Ranocchia, 82′ Kone Espulsi: INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 35 Rolando, 23 Ranocchia, 5 Juan (28′ Samuel 25); 33 D’Ambrosio (52′ Kovacic 10), 88 Hernanes, 19 Cambiasso  (78′ Milito 22), 11 Alvarez, 55 Nagatomo; 8 Palacio, 9 Icardi. A disposizione: 12 Castellazzi, 30 Carrizo, 4 Zanetti, 6 Andreolli, 14 Campagnaro, 13 Guarin, 17 Kuzmanovic, 21 Taider, 20 Botta. Allenatore: Walter Mazzarri BOLOGNA (3-5-1-1): 1 Curci; 5 Antonsson, 14 Natali, 22 Mantovani; 8 Garics, 24 Pazienza, 4 Khrin (70′ Acquafresca 12), 19 Christodoulopoulos, 35 Cech (59′ Morleo 3); 33 Kone (87′ Perez 15), 99 Cristaldo. A disposizione: 32 Stojanovic, 6 Sorensen, 21 Cherubin, 75 Crespo, 11 Friberg, 20 Ibson, 9 Bianchi, 10 Moscardelli, ‎88 Paponi. Allenatore: Davide Ballardini Arbitro: Mazzoleni CRONACA: 90′ + 3 – FINE PARTITA L’Inter non va oltre il pareggio contro un Bologna molto combattivo e determinato nel cercare con convinzione il risultato. Per la formazione di Mazzarri ennesimo passo falso e una classifica che inizia a preoccupare in ottica europea. 90′ + 2 – Occasionissima Bologna in contropiede. Lazaros serve Acquafresca che calcia da dentro l’area, primo tentativo respinto da Handanovic che poi si immola anche sulla seconda conclusione dell’attaccante emiliano respingendo in angolo. 90′ – Saranno tre i minuti di recupero al Meazza per tentare la vittoria. 87′ – Ultimo cambio anche per Ballardini con l’uscita dal campo di un esausto Kone al posto di Perez. 84′ – Curci para il rigore a Milito. Incredibile! 82′ – Primo rigore della stagione per l’Inter! Mantovani trattiene Palacio a centro area ed ammonizione a Kone per proteste. Rigore solare per i nerazzurri. 80′ – Ammonito Ranocchia a causa di un brutto fallo su Lazaros. 78′ – Ultimo cambio nelle fila nerazzurre. Milito subentra a Cambiasso. 76′ – Graziato Nagatomo per un fallo di frustazione su Cristaldo a metà campo. 72′ – GOL BOLOGNA Cross di Mantovani sul quale Cambiasso non ci arriva, Rolando alle sue spalle stoppa di petto ma poi scivola clamorosamente ed arriva Kone e mette dentro da pochi passi. 70′ – Secondo cambio per il Bologna. Esce l’ex Khrin ed entra Acquafresca. 67′ – Prova a riorganizzarsi la formazione di Ballardini dopo lo splendido gol di Icardi. 63′ GOL INTER Splendido gol di Icardi che riceve palla da Hernanes e fa partire un destro a giro dai venti metri che colpisce l’incrocio interno dei pali e si insacca alle spalle dell’incolpevole Curci. 61′ – Grande palla verticale di Lazaros per Garics che lascia partire un destro in corsa dal limite dell’area con palla che esce di un paio di metri alla sinistra di Handanovic. 59′ – Primo cambio anche per Ballardini. Fuori Cech e dentro Morleo, nessun cambio a livello tattico. 56′ – Inter ora a trazione anteriore con l’ingresso di Mateo Kovacic. 52′ – Secondo cambio per Mazzarri. Esce d’Ambrosio e dentro Kovacic. 50′ – D’Ambrosio mette un pallone insidiosissimo in area ma nessuno dei compagni riesce ad arrivare per il tocco vincente sotto misura. 49′ – Trattenuta di Natali in area di rigore su Icardi, l’arbitro lascia correre in maniera discutibile. 46′ – Subito occasione Bologna con Khrin che si inserisce e scarica un destro da appena dentro l’area bloccato bene da Handanovic. 46′ – INIZIO SECONDO TEMPO si riparte al Meazza. 45′ +2 - FINE PRIMO TEMPO Si conclude la prima frazione di gioco sul punteggio di uno a uno. Dopo il vantaggio iniziale di Icardi l’Inter ha continuato a spingere per provare a chiudere subito i conti ma il pareggio di Pazienza ha rimesso la partita sui binari dell’equilibrio. 45′+ 1 – Angolo per l’Inter che non produce nessun effetto. 45′ – Saranno due i minuti di recupero. 43′ – Partita vibrante ora. Dopo il pareggio il Bologna sta giocando con più fiducia. 40′ – Destro di Hernanes fiacco sulla barriera. 38′ – Punizione dal limite per l’Inter. Ammonito Mantovani per fallo su Icardi. 34′ – GOL BOLOGNA. Dopo un primo miracolo di Handanovic su Lazaros, il pallone arriva al limite dell’area e destro vincente in corsa di Pazienza. 33′ – Fallo di Natali sull’ottima protezione di palla di Icardi. Punizione in zona d’attacco per l’Inter. 28′ – Juan Jesus non ce la fa, entra Samuel. Primo cambio forzato per i nerazzurri. 27′ – Grande azione di Palacio che porta a spasso due difensori e scarica un destro che sibila all’incrocio dei pali alla destra di Curci. 23′ - Juan Jesus rimane a terra dopo un brutta entrata di Lazaros. Gioco fermo da un minuto. 21′ – Colpo di testa di Natali nel cuore dell’area nerazzurra, Handanovic smanaccia in angolo. 19′ – Sinistro da fuori di Riky Alvarez e respinta in tuffo di Curci. 17′ – Occasione Bologna. Mantovani anticipa di testa Jonathan dall’angolo battuto da Lazaros e palla fuori di poco. 15′ – Primo tiro in porta per i rossoblù con Lazaros dopo un inizio molto difficile. 12′ – Solo Inter. Destro di Hernanes dal limite deviato e altro angolo per i nerazzurri. 10′ – Colpo di testa di Ranocchia sull’angolo calciato da Hernanes, palla fuori di poco. 9′ – Cambiasso a botta sicura colpisce Icardi sulla traiettoria. 6′ – GOL INTER! Nagatomo dalla sinistra crossa in mezzo per Icardi che anticipa il diretto avversario e fulmina Curci. 3′ – Inizio equilibrato tra le due squadre, Bologna ben messo in campo. 1 ‘- CALCIO D’INIZIO tra Inter e Bologna, arbitrerà l’incontro il sig. Paolo Mazzoleni della sezione di Bergamo.

    continue reading »

     
     
  • Primavera, l’Inter ritrova i tre punti: doppio Bonazzoli e Mira, prima del brivido finale…

    Primavera, l’Inter ritrova i tre punti: doppio Bonazzoli e Mira, prima del brivido finale…

    Dopo il pareggio di Verona, con annessa doppia rimonta subita, l’Inter Primavera torna alla vittoria battendo i pari età della Virtus Lanciano sul campo amico del centro sportivo “Giacinto Facchetti”. Tre punti importanti per i nerazzurri in vista del recupero di mercoledì in casa del Milan al “Vismara”. Cerrone opta dal primo minuto per un 4-4-2 molto offensivo. Davanti al portiere croato Ivusic agiscono Yao ed Eguelfi rispettivamente a destra e a sinistra con al centro Paramatti e Sciacca. Davanti alla difesa Palazzi e Dabo con ai lati Camara e Andy Polo. In attacco accanto a Puscas c’è il gioiellino Bonazzoli. I primi minuti del match sono di chiara marca nerazzurra con al 4′ la combinazione tra Polo e Camara che porta quest’ultimo a tiro ma il pallone termine di poco a lato. Dopo l’inizio promettente i nerazzurri però non riescono ad impadronirsi della partita e si affidano troppo spesso ad innocui lanci lunghi dalla difesa. Al 23′ l’Inter trova comunque il vantaggio con Bonazzoli abile sotto porta a sfruttare l’ottimo assist fornitogli da Camara. Gli ospiti provano a reagire ma la retroguardia interista controlla agevolmente. Sul finale di frazione l’Inter ha due buone chance per il raddoppio ma le spreca: prima al 43′ Bonazzoli, dopo una grande iniziativa personale, spara alto da ottima posizione e poi proprio in chiusura il pallonetto di Puscas è bloccato in uscita dal portiere della Virtus Elezaj. La ripresa si apre con l’Inter alla ricerca del 2-0. Al 52′ dopo un batti e ribatti in area Puscas mette a lato da posizione invitante. Si fa vedere il Lanciano al 57′ con un angolo velenoso di De Feo che costringe Ivusic all’uscita di pugno. Al 66′ i nerazzurri chiudono virtualmente l’incontro ancora con Bonazzoli che al limite dell’area salta un avversario e scarica, con il mancino, alle spalle di Elezaj. Un minuto dopo altra buona notizia per mister Cerrone che può rimandare in campo, dopo mesi di inattività, il capitano Lorenzo Tassi che prende il posto di Dabo. Cinque minuti più tardi la Virtus sfiora una clamorosa autorete su cross insidioso di Polo dalla sinistra. Il terzo gol è comunque solo rimandato ed arriva all’83′ con il neoentrato Mira che sfrutta l’assist di Camara per battere Elezaj. La partita sembra oramai chiusa ma l’Inter è pazza, si sa, e non soltanto con la prima squadra. Al 90′ infatti il centrocampista Raho anticipa Ivusic per il 3-1 e due minuti più tardi è Difino a battere il portiere croato. Per fortuna però il match è finito e l’arbitro Aversano della sezione di Treviso chiude le ostilità subito dopo la seconda rete degli abruzzesi. Con questa vittoria l’Inter torna a fare bottino pieno dopo aver raccolto un solo punto nelle ultime tre sfide e si porta a 44 punti in classifica, mantenendo una lunghezza di ritardo dal Milan, vittorioso sul campo del Cittadella con un netto 6-0.

    continue reading »

     
     
  • Livorno-Inter 2-2: harakiri nerazzurro, Emeghara agguanta il pareggio nel finale

    Livorno-Inter 2-2: harakiri nerazzurro, Emeghara agguanta il pareggio nel finale

    LIVORNO vs INTER 2-2 Marcatori: 37′ Hernanes (I), 40′Palacio (I),  53′ Paulinho (L), 85′ Emeghara (L). Ammoniti: 20′ Hernanes 69′ Castellini 36′ Samuel 42′ Botta Espulsi: LIVORNO (3-5-2): 1 Bardi; 33 Valentini, 23 Emerson (54′ Duncan 41), 7 Castellini; 15 Mbaye, 24 Benassi, 27 Biagianti, 19 Greco (72′ Siligardi 26), 11 Mesbah; 9 Paulinho, 21 Belfodil (54′ Emeghara 20). A disposizione: 22 Anania, 37 Aldegani, 2 Piccini, 3 Gemiti, 14 Mosquera, 17 Ceccherini, 20 Emeghara, 26 Siligardi, 29‎ Borja, 41 Duncan, 85 Coda. Allenatore: Domenico Di Carlo INTER (3-4-2-1): 1 Handanovic; 35 Rolando, 25 Samuel, 5 Juan Jesus; 2 Jonathan (80′ Zanetti 4), 88 Hernanes (68′Guarin 13), 17 Kuzmanovic, 11 Alvarez (86′ Botta 20), 33 D’Ambrosio; 9 Icardi, 8 Palacio. A disposizione: 12 Castellazzi, 30 Carrizo, 4 Zanetti, 6 Andreolli, 10 Kovacic, 13 Guarin, 19 Cambiasso, 20 Botta, 21 Taider, 22 Milito, 23 Ranocchia, 55 Nagatomo. Allenatore: Walter Mazzarri Arbitro: Calvarese CRONACA: 90′ + 4  FINE PARTITA Buon primo tempo, ripresa disastrosa. L’Inter perde un’altra chance per avvicinarsi alla Fiorentina, concedendo al Livorno di completare una clamorosa rimonta. Un calo di attenzione incomprensibile ed imprevedibile, visto l’andamento della prima frazione gioco. Una disattenzione collettiva sul primo gol e un banale errore di Guarin spianano la strada alla truppa di Di Carlo. 90′ – L’arbitro concede 4 minuti di recupero. 86′ – Entra Botta ed esce Alvarez. 85′ GOL LIVORNO Emeghara castiga i nerazzurri, sfruttando un erroraccio di Guarin. Il colombiano effettua un retropassaggio che innesca il giocatore del Livorno, bravo a bruciare in corsa Samuel. 83′ – Palacio non trova il colpo del k.o. Bardi è bravo a chiudere lo specchio della porta. 79′ – Zanetti fa il suo ingresso sul rettangolo verde, si accomoda in panchina Jonathan. 77′ – L’Inter non riesce a chiudere i conti: doppia occasione sprecata da Icardi e Guarin. 74′ – Proteste dei toscani, che chiedono un calcio di rigore per una spinta di Juan Jesus. 72′ – Di Carlo si gioca l’ultimo cambio: Siligardi rileva Greco per un Livorno ultra offensivo! 70′ – Rolando prova, di testa, a girare in rete la punizione battuta da Guarin. 69′ – Ammonito Castellini per un rude intervento ai danni di Palacio. 68′ – Primo cambio in casa Inter: esce Hernenes, entra Guarin. 65′ – Possesso palla nerazzurro, finalizzato a spegnere l’entusiasmo degli avversari e a rallentare il ritmo del match. 63′ – La squadra di Di Carlo e il pubblico del Picchi rigenerati dalla rete di Paulinho. 59′ – Hernanes non trova il tempo per la conclusione e innesca involontariamente un insidiosissimo contropiede livornese, conclusosi con un tiro inefficace di Mesbah. 55′ – Ai tempi del Siena, Emeghara segnò proprio contro l’Inter il suo primo gol in Serie A. 54′ – Entrano Duncan ed Emeghara, escono Belfodil ed Emerson. 53′ - GOL LIVORNO Il Livorno accorcia le distanze. A siglare la rete dell’ 1-2 è Paulinho, abile a sfruttare uno schema su calcio d’angolo con un tiro all’incrocio dei pali. La retroguardia nerazzurra si è fatta colpevolmente cogliere impreparata. 52′ – Arriva il primo calcio d’angolo del secondo tempo a favore della squadra di Di Carlo. 47′ – Subito l’occasione di incrementare il vantaggio e chiudere definitivamente la partita sui piedi di Palacio, innescato prontamente da Alvarez. 46′ – INIZIO SECONDO TEMPO Inizia il secondo tempo. 45′ – 1  FINE PRIMO TEMPO Si conclude la prima frazione di gioco sul punteggio di 0-2, grazie alle reti siglate da Hernanes e Palacio. Primo tempo da suddividere in tre fasi: un inizio convinto dei nerazzurri, una fase di stallo e l’arrembaggio finale, grazie al quale sono arrivati i due gol. 45′ + 1 - GOL INTER Sul finir del primo tempo, arriva il raddoppio dell’Inter. Il cross perfetto di Jonathan, la conclusione al volo di Palacio. Il Trenza timbra il quattordicesimo sigillo in campionato. 45′ – Calvarese concede un minuto di recuperare. 42′ – Spettacolare la conclusione di Kuzmanovic dalla lunga distanza, ma altrettanto spettacolare è il tuffo di Bardi, messosi in mostra davanti alla squadra dententrice del suo cartellino. 40′ – Importante, finora, la prova di Icardi. Il numero 9 tiene costantemente in apprensione la difesa labronica e favorisce con costanza gli inserimenti dei centrocampisti. 37′ - GOL INTER Lo avevamo detto: arriva il primo gol in maglia nerazzurra di Hernanes. Dopo il tentativo di Icardi, è l’ex Lazio a raccogliere il pallone e a trafiggere il portiere livornese. 35′ – Il brasiliano entra definitivamente in partita, lanciando D’Ambrosio bravo ad eludere Mbaye. Sul colpo di testa del napoletano, in posizione defilata, è attento Bardi. 26′ – Hernanes scalda il piede, ma il suo tiro a giro si deposita sul fondo, poco distante dal palo alla destra di Bardi. 25′ – 36 anni e non sentirli: Walter Samuel interrompe con tutta la sua esperienza le velleità livornesi. 22′ – Kuzmanovic prova la soluzione da fuori area, ma il serbo è tutt’altro che preciso. 21′ – Tanti i contrasti nella zona mediana del campo. 20′ – Ammonito Hernanes. 15′ – Tra tiro e cross: la punizione di Emerson non sorprende Handanovic, pronto ad opporre i suoi guantoni e a salvare la porta nerazzurra. 13′ – Hernanes illumina, Jonathan non ne approfitta: il brasiliano colpisce d’esterno senza impensierire Bardi. 10′ – Il Livorno prova a guadagnare metri. Paulinho gestisce il pallone e scarica sulla sinistra per la corrente Greco. Il traversone del centrocampista labronico è intercettato facilmente dalla difesa nerazzurra. 9′ – Belfodil pescato in fuorigioco. 7′ – Finta e controfinta di Alvarez, che ubriaca i suoi avversari sulla fascia destra e crossa in mezzo per D’Ambrosio. 5′ – Icardi raccoglie il suggerimento di Jonathan, ma non riesce a controllare il pallone spalle alla porta. 3′ – Primo tentativo dell’Inter: assist filtrante di Alvarez, pronto ad innescare Hernanes nell’area di rigore avversaria. 2′ – Calcio d’angolo assegnato ai nerazzurri. 1′ - CALCIO D’INIZIO Pronti, via: inizia Livorno-Inter. Ad arbitrare la sfida del Picchi sarà Calvarese, fischietto della sezione di Teramo. QUI LIVORNO Ai labronici servono punti per continuare a sperare nella salvezza ed evitare un ritorno nell’inferno della serie cadetta. L’obiettivo della squadra di Di Carlo è quello di recuperare i due punti di ritardo dal Bologna, che occupa momentaneamente il quart’ultimo posto. Per l’impresa, il Livorno si affida alla folta colonia nerazzurra: saranno della partita, infatti, Bardi, Mbaye, Benassi e Belfodil. QUI INTER Una vittoria per ritornare sulla retta via, dopo la sconfitta contro l’Atalanta e il pareggio contro Di Natale e compagni. In mediana rientra Kuzmanovic, mentre un turno di riposo sarà concesso a capitan Cambiasso. Mazzarri si affida ad Alvarez per illuminare la manovra offensiva e al rientrante Rolando per sigillare un reparto arretrato completato da Samuel e Juan. Una maglia da titolare anche per D’Ambrosio.

    continue reading »

     
     
  • Inter-Udinese 0-0: un’altra occasione sprecata. I nerazzurri si arrendono a un super Scuffet

    Inter-Udinese 0-0: un’altra occasione sprecata. I nerazzurri si arrendono a un super Scuffet

    INTER vs UDINESE  0-0 Marcatori: Ammoniti: 66′ Scuffet  (U), 89′ Samuel (I) Espulsi: INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 23 Ranocchia, 25 Samuel, 5 Juan Jesus; 2 Jonathan (71′ D’Ambrosio 33) , 13 Guarin (53′ Alvarez 11), 19 Cambiasso, 88 Hernanes, 55 Nagatomo (86′ Milito 22); 8 Palacio, 9 Icardi. A disposizione: 30 Carrizo, 4 Zanetti, 6 Andreolli, 10 Kovacic, 11 Alvarez, 14 Campagnaro, 17 Kuzmanovic, 20 Botta, 21 Taider, 22 Milito, 33 D’Ambrosio, 35 Rolando. Allenatore: Walter Mazzarri UDINESE (3-5-1-1): 22 Scuffet; 75 Heurtaux, 5 Danilo, 11 Domizzi; 27 Widmer, 7 Badu, 3 Allan, 37 Pereyra (86′ Maicosuel 70), 34 Gabriel Silva; 32 Fernandes (80′ Lazzari 21); 9 Muriel (93′ Yebda 20). A disposizione: 1 Brkic, 30 Kelava, 4 Naldo, 6 Bubnjic, 20 Yebda, 18 Jadson, 21 Lazzari, 66 Pinzi, 70 Maicosuel, 94 Zielinski, 10 Di Natale, 17 Nico Lopez. Allenatore: Francesco Guidolin Arbitro: Gervasoni CRONACA: 90′ + 5 - FINE SECONDO TEMPO Sotto gli occhi attenti di Thohir, l’Inter non riesce a sbloccarsi, nonostante le tante occasioni create durante i secondi quarantacinque minuti della partita. Tra le fila dell’Udinese, il migliore in campo è Scuffet, vero eroe di giornata. Con questo pareggio, i nerazzurri si portano a tre lunghezze dal quarto posto. 90′ + 3 – Entra Yebda, esce Muriel. 90′ – L’arbitro concede cinque minuti di recupero. 90′ – Proteste nerazzurre per un rigore negato per fallo di mano di Heurteaux. 87′ – Doppio miracolo della difesa friulana: prima Scuffet e, poi, Domizzi in acrobazia neutralizzano l’ennesima offensiva della squadra di Mazzarri. 86′ – Assalto nerazzurro: entra Milito, esce Nagatomo 84′ – L’Inter continua a dimostrarsi poco concreta in fase offensiva: Palacio crossa per Icardi, che si coordina come può senza trovare fortuna. 82′ – Ennesimo calcio d’angolo per l’Inter, ma l’arbitro fischia un fallo in attacco di Ranocchia. 80′ – Per i bianconeri esce Bruno Fernandes ed entra Lazzari. 79′ – L’Udinese fa fatica ad uscire dal guscio. E’ Heurtaux a concedere un po’ di respiro alla propria retroguardia con la sua accelerazione. 76′ – Buono l’impatto sulla partita di Ricky Maravilla. 74′ – Alvarez si libera del suo avversario diretto e prova la conclusione, che si infrange sul difensore bianconero. 71′ – Scocca l’ora di D’Ambrosio, che rileva Jonathan. 70′ – Splendido il cross di Jonathan. La difesa dell’Udinese rinvia sui piedi di Nagatomo con Icardi che devia il tiro del giapponese, ma non riesce a sorprendere Scuffet. 69′ – Squadre più lunghe e a beneficiarne è lo spettacolo. 65′ – I nerazzurri spingono sull’acceleratore e, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Samuel di testa non riesce a trovare la via del gol. 64′ – Inter vicina al vantaggio con Hernanes: il portiere friulano si esibisce in una grande parata sul destro del brasiliano. 62′ – Palacio raccoglie il suggerimento di Nagatomo, si gira e manda il pallone tra le braccia di Scuffet. 57′ – Magistrale punizione di Hernanes con il pallone che finisce di poco a lato. 55′ – Fischi per Alvarez che, dopo aver trovato spazio e tempo per il cross, sbaglia a calibrare la potenza del traversone. 53′ – Primo cambio del match: entra Alvarez, esce Guarin, resosi protagonista di una prova incolore. 52′ – Primo corner del secondo tempo in favore dei bianconeri. 50′ – Ranocchia fa partire un tiro-cross, che si rivela pieno di insidie per la porta dell’Udinese. 48′ – Cambiasso cerca Icardi, ma Scuffet interviene con sicurezza prima che il pallone raggiunga il suo destinatario. 47′ – Inter poco attenta sul taglio di Badu, il quale non riesce ad approfittare della disattenzione della retroguardia nerazzurra. 46′ - INIZIO SECONDO TEMPO Riprendono le ostilità a San Siro. 45′ + 1 – FINE PRIMO TEMPO Gervasoni fischia la fine della prima frazione di gara. Difficile trovare spazi per Cambiasso e compagni: occorrerà maggiore velocità e fluidità nella manovra nerazzurra per sorprendere l’undici friulano. 45′ – L’arbitro concede un minuto di recupero. 42′ – Sull’asse Pereyra- Muriel, brividi per la squadra di Mazzarri. Il colombiano, però, non riesce in scivolata ad indirizzare il pallone verso la porta avversaria. 40′ – Prima vera occasione della gara. E’ Bruno Fernandes ad impensierire Handanovic, tutt’altro che impeccabile al momento della respinta. 38′ – Gervasoni assegna una punizione ai nerazzurri. Si incarica della battuta Guarin, ma il colombiano si concentra sulla potenza e non sulla precisione. 36′ – Jonathan, casualmente sulla fascia sinistra, fa partire un bel cross. Domizzi, di testa, allontana. 29′ – Ancora Hurteaux scalda il suo destro con un tiro che non impensierisce il pubblico di San Siro. Il francese originario di Lisieux tra i protagonisti del match: propositivo in fase offensiva e attento in quella difensiva. 28′ – Muriel mette paura alla difesa nerazzurra con la sua velocità e si procura un buon calcio d’angolo. 27′ – L’Inter fa circolare pazientemente il pallone, ma è difficile trovare sbocchi. 24′ – Cambiasso tenta la conclusione appena fuori dall’area di rigore. Il tentativo del Cuchu è prontamente murato dalla difesa friulana. 22′ – Poco da raccontare in questi primi 22 minuti di gioco. Partita in fase di stallo. 18′ – Lo stesso Heurtaux si esibisce nel proverbiale “tiro della domenica” da distanza siderale. La conclusione del difensore va ben lontano dalla porta difesa da Handanovic. 16′ – Accelerazione di Palacio, ma Heurtaux frena l’impeto dell’argentino. 14′ – Fase di studio del match. Poche emozioni, tanta intensità. 12′ – Incursione interessante di Widmer, osservato speciale della partita. 10′ – Guarin cerca Icardi, inseritosi con i tempi giusti, con un pallone partito dalla trequarti del rettangolo verde. 7′ – L’Inter continua a rendersi pericolosa sulle fasce. Questa volta è Palacio a mettere in mezzo un pallone rinviato facilmente dalla difesa avversaria. 4′ – Inter aggressiva in questi primi minuti di gioco. Velenoso il traversone di Jonathan, prontamente disinnescato da Scuffet. 3′ – Primo calcio d’angolo in favore dei nerazzurri. 1′ – INIZIO PARTITA Gervasoni decreta l’inizio delle ostilità. QUI INTER  Dopo la sconfitta maturata nei minuti finali contro l’Atalanta, l’Inter sfida l’Udinese per riscattarsi. Tre punti fondamentali per accorciare le distanze dalla Fiorentina, battuta in casa dal Milan, e allontanare il Parma di Donadoni, uscito sconfitto dalla contestata gara dello Juventus Stadium. Novità di formazione rispetto all’ultimo match: ritornano Samuel Juan Jesus e Nagatomo, mentre Rolando Campagnaro e D’Ambrosio rimangono in panchina. QUI UDINESE  Avvicendamento in attacco per i friulani: a far parte dell’undici titolare sarà, infatti, Muriel e non Di Natale. La squadra di Guidolin alla ricerca di continuità, dopo la vittoria di misura contro il Sassuolo.

    continue reading »