Sassuolo Inter termina con la 3^vittoria consecutiva per i nerazzurri: la sintesi

Sassuolo Inter termina con la 3^vittoria consecutiva per i nerazzurri: la sintesi


Sassuolo Inter termina con la terza vittoria consecutiva per la formazione nerazzurra. Un match giocato con maturità dai nerazzurri che, seppur avvantaggiati dal “lazzaretto” neroverde, amministrano la gara senza strafare, il tipico massimo risultato ottenuto col minimo sforzo.

Inizio cauto da ambo i lati, nerazzurri un po’ contratti

Sul campo dei romagnoli la partita inizia a ritmi blandi con una lunga fase di studio. I neroverdi, in assoluta emergenza con la quasi totalità della formazione titolare fuori, cercano di pungere in velocità soprattutto sulla sinistra, con Ragusa e Ricci piuttosto attivi. L’Inter d’altro canto riscontra le solite difficoltà con le squadre brave a chiudere gli spazi e sbaglia molto in fase di impostazione. La prima occasione dei nerazzurri è al 12′ quando Candreva cerca la conclusione da fuori scaldando le mani a Consigli. Passano solo 4 minuti e ancora Candreva, il più attivo dei suoi in questo avvio, coglie il palo con una conclusione deviata.

Esce alla distanza l’Inter ma nulla di fatto nel primo tempo

La formazione nerazzurra dopo la mezz’ora di gioco inizia ad alzare i ritmi per cercare di ottenere il vantaggio, rendendosi pericolosa in varie occasioni, peccando però di freddezza sotto rete. Icardi prima e Perisic poi, falliscono due grandi opportunità per passare in vantaggio prima della pausa, ma anche il Sassuolo batte un colpo al 34′ con Defrel che esalta i riflessi di un grande Handanovic, lasciando quindi le reti inviolate a fine primo tempo. Una frazione senza goal ma comunque piacevole, con un Candreva in grande spolvero e un Icardi un po’ sottotono.

Candreva regala la vittoria nella ripresa, nonostante un finale di sofferenza

L’avvio di secondo tempo è senza storia. L’Inter che entra in campo nella ripresa è rabbiosa, fin da subito  con un piglio deciso, ed al primo affondo al 2′ trova la rete del vantaggio con l’assoluto protagonista del match, Antonio Candreva, in versione MVP, bravo a raccogliere una palla rimasta lì dopo un primo tentativo di Joao Mario. Il Sassuolo fatica a ripartire e rimane chiuso nella propria trequarti cercando di arginare la marea avversaria di cui è ormai in balia. Al 53′ Antei tocca di mano in area romagnola, ma il direttore lascia correre fra le proteste degli ospiti. I padroni di casa si vedono al 63′ con Sensi che impegna l’estremo difensore interista.

candrevaL’Inter prova a gestire ma non chiude la pratica e nel finale di partita il Sassuolo prova il tutto per tutto, con DiFrancesco che schiera addirittura 4 punte per cercare il pari. Matri all 83′  cicca un’occasione clamorosa e due minuti dopo sul pressing avversario Miranda rischia una clamorosa autorete. Nel recupero spazio finalmente per Gabigol (giusto il tempo per guadagnarsi un giallo) e per Felipe Melo che si fa espellere gratuitamente con una espulsione evitabilissima, causando ulteriore sofferenza alle coronarie interiste. Continua quindi l’inseguimento alle zone alte della classifica, con una vittoria senza gloria e ottenuta col minimo sindacale, ma sempre importante. Grande prova di Candreva, man of the match, deludente tutto l’attacco, Icardi e Perisic sottotono.

Sassuolo Inter il tabellino:

SASSUOLO (4-3-3)Consigli; Lirola, Antei, Acerbi, Dell’Orco; Mazzitelli (dal 32′ s.t. Iemmello), Sensi, Pellegrini (dal 15′ s.t. Missiroli); Ricci (dal 16′ s.t. Matri), Defrel, Ragusa (Pomini, Pegolo, Pierini, Terranova, Franchini, Erlic, Adjapong). All.: Di Francesco.

 INTER (3-4-2-1) Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Murillo; Candreva (dal 46′ s.t. Gabriel Barbosa), Brozovic, Felipe Melo, Ansaldi; Joao Mario (dal 24′ s.t. Banega), Perisic; Icardi (Carrizo, Andreolli, Kondogbia, Palacio, Biabiany, Ranocchia, Santon, Eder, Nagatomo). All.: Pioli.
Arbitro: Di Bello
Ammoniti: Missiroli, Joao Mario, Brozovic, Gabriel Barbosa.
Espulsi:  47′ s.t. Felipe Melo per doppia ammonizione.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy