TS – “Ecco come si può aggirare il fair play finanziario…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Tanti capitali disponibili, volontà di riportare l’Inter ai vertici e di far tornare a Milano le stelle del calcio mondiale. Gli obiettivi del Suning sono ambiziosi e fanno sognare tutta la tifoseria nerazzurra, ma non sono immediatamente attuabili per colpa degli impegni col Fair Play Finanziario assunti da Thohir.

La necessità di raggiungere la parità di bilancio rimane impellente, ma i dirigenti cinesi vogliono trovare delle scorciatoie per aggirare l’ostacolo e farsi conoscere dai vertici della UEFA. Purtoppo i nerazzurri non possono rientrare nel “voluntary agreement” siglato a Praga lo scorso anno e che facilita gli investimenti delle società in caso di cambio di maggioranza. Secondo Tuttosport però, la nuova proprietà potrebbe fare una visita a Nyon per farsi conoscere dagli esponenti del calcio europeo e illustrare quali sono i propri programmi, cercando così di far venire incontro la UEFA alle proprie volontà basate sull’espansione del marchio e su una serrata commercializzazione che sfrutti l’ampio e immenso bacino cinese.thohir Jindong Zhang

Se nemmeno questa strategia dovesse funzionare, il nuovo tentativo verrebbe attuato nel gennaio del 2017, quando potrebbe farsi largo un’ulteriore e finora esplorata possibilità, ossia il pagamento della multa comprensiva della condizionale (14 milioni), per avere così poi mano libera per agire. Nel frattempo, delle novità positive potrebbero esserci nel mese di settembre, quando sarà eletto il successore di Platini, l’uomo che ha spinto verso l’austerity finanziaria. Già il sopraccitato “voluntary agreement” ha rappresentato una svolta verso il ritorno alla situazione precedente. Se l’epoca del FFP dovesse chiudersi prima del previsto, i tifosi nerazzurri sarebbero i primi ad esserne felici.