Le pagelle di Empoli-Inter: Murillo stecca, Miranda no, ottimo Perisic

Le pagelle di Empoli-Inter: Murillo stecca, Miranda no, ottimo Perisic

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Le nostre valutazioni sul primo impegno ufficiale del nuovo anno dell’Inter, vinto con sofferenza fino alla fine al Castellani di Empoli:

Handanovic 6,5: oltre a una buona attenzione su qualche tentativo da fuori dell’Empoli, regala un provvidenziale intervento su Saponara e una serie di ottime uscite in stile Neuer.

D’Ambrosio 6,5: pericoloso a inizio partita con un paio di buone sortite, mostra, però, sempre il meglio di sé quando c’è da difendere e stringere i denti. Affidabile.

Miranda 6,5: nel finale i tentativi dei toscani trovano nel brasiliano un ostacolo insormontabile. La solita sicurezza, un grande pragmatismo con delle belle spruzzate di eleganza.

Murillo 5: svagato, non ne indovina una. Sbaglia molteplici disimpegni rischiando molto e facendosi condizionare nei duelli dal giallo iniziale

Nagatomo 6: mette sempre un enorme senso di apprensione, ma nel complesso, tranne un’occasione nel secondo tempo, tiene duro e offre un buon appoggio a sinistra.

Medel 5,5: il Pitbull è sembrato molto meno grintoso del solito. Soffre la mobilità di Saponara e, in generale, la tecnica del centrocampo avversario.

Kondogbia 6: mezzo voto in meno per il vistoso calo fisico della ripresa, ma il giocatore visto nel primo tempo promette grandi cose. Tampona bene, è più preciso del solito e con un paio di cavalcate crea anche superiorità numerica.

Brozovic 6: nel complesso disputa una partita confusionaria, ma combina anche cose egregie quando c’è da duettare con Perisic e Ljajic. A volte è sul pezzo, mentre in altre circostanze stava forse ancora pensando alla patente.

Perisic 6,5: il croato è il signore della concretezza. Regala l’assist vincente a Icardi, crea sempre presupposti interessanti e corre come un dannato, anche in ripiegamento.

Ljajic 6: si propone sempre e duetta con tutti con grande delicatezza di tocco, ma gli manca un pizzico di essenziale concretezza.

Icardi 6: cosa gli vuoi dire? gli arriva un pallone giocabile e lo tramuta in oro, ma deve cercare di essere più volte nel cuore della manovra.

Guarin, 5: entra in tempo con tanta mollezza, giusto in tempo per farsi beffare da Mario Rui, sbagliare una comoda apertura e tentare un tiro improbabile da centrocampo. Il contesto richiedeva altro.

Jovetic SV: pochissimi palloni toccati in 10 minuti.

Jesus SV: entra giusto per confermare il dato che vede sempre l’Inter vincente con lui in campo.

Allenatore, Roberto Mancini 5,5: l’Inter vista oggi è stata molto brutta, simile a quella delle primissime partite. Poteva azzardare prima qualche sostituzione.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy