GdS - Sacchi, i numeri ti smentiscono. E su Bonazzoli e l'Inter..

GdS – Sacchi, i numeri ti smentiscono. E su Bonazzoli e l’Inter..

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Protagonista indiscusso di queste ultime ore è sicuramente Arrigo Sacchi. L’ex tecnico ha espresso una considerazione riguardo le rose delle squadre Primavera che ha lasciato tutti spiazzati (LEGGI QUI).

L’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport parla proprio di questo argomento, affermando che Sacchi viene smentito dai numeri.
Come riporta la rosea, sui 1154 tesserati nei tre gironi, i giocatori di colore africani in campo sono soltanto 54, ovvero il 4,67% delle rose delle 42 formazioni totali. In Serie A i giocatori di colore africani schierati fino ad ora sono 27 sui 552 utilizzati, per una percentuale pari al 4.89%. 

Ma il quotidiano sottolinea che queste dichiarazioni di Sacchi potrebbero essere state anche una frecciata nei confronti dell’Inter di Stefano Vecchi, “reo” di aver dato molto spazio ai giocatori in questione. Inoltre, è lo stesso Sacchi che, supervisore delle convocazioni dell’Italia Under 17 per il mondiale negli Emirati Arabi, lasciò fuori Bonazzoli, considerato attualmente uno dei maggiori talenti emergenti.

Da sottolineare poi come dell’Inter che vinse la NextGen ancora nessuno si è imposto nel grande calcio, mentre 7 dei giocatori che in quell’anno militavano nell’Ajax finalista giocano in prima squadra e uno (Blind) gioca addirittura nel Manchester United e ha già disputato un mondiale da protagonista.

“Ecco -conclude la rosea- più che soffermarci sulla forza fisica o il colore della pelle, dovremmo imparare a osare un po’ di più. Perché c’è ancora tanto talento in giro per la nostra Italia“.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy