Come Dottor Jekyll e Mister Hyde, questa Inter è sempre più preda di se stessa