Wes e Strama, questione di feeling – SpazioInter