Moratti ricorda Mihajlovic: “Una persona buona”, poi il retroscena sull’Inter

Solo due giorni fa è arrivata la terribile notizia sulla scomparsa di Sinisa Mihajlovic, che da ormai tre anni combatteva contro la leucemia.

Nonostante sembrava che col tempo le sue condizioni si fossero stabilizzate, negli ultimi giorni c’è stato un peggioramento che lo ha strappato via alla moglie Arianna e ai loro cinque figli.

A partire da oggi, fino alle 18:00, è aperta a tutti a Roma la camera ardente dell’ex calciatore e tecnico, mentre domani alle 11:30 si svolgeranno i funerali.

Mihajlovic
Mihajlovic

Moratti svela il retroscena su Mihajlovic all’Inter

Sono stati tanti i colleghi, i giocatori e i protagonisti del mondo dello sport che hanno voluto rivolgere a Mihajlovic un ultimo saluto, tra cui l’ex presidente nerazzurro Massimo Moratti, intervistato da Gianluca Rossi sul suo canale Youtube.

A Sinisa volevo proprio bene perché era un uomo forte, era buono e serio contemporaneamente. Rimane impresso il momento in cui l’ho conosciuto. Aveva un grande carattere, anche quando giocava. All’Inter la sua personalità consentiva a Mancini di essere tranquillo e di sapere che quello che diceva era esattamente quello che succedeva” ha detto.

LEGGI ANCHE:  Ravezzani punge Zhang: "Convive con debiti spaventosi non solo all'Inter"

Nell’intervista, poi, Moratti ha anche svelato un retroscena di mercato: “Ho immaginato di averlo come allenatore dell’Inter. L’ho pensato, come no. Ed è capitata anche l’occasione ad un certo punto, ma poi sfumò. Ne parlavo anche con lui“.

Gabriella Ricci

Sei qui: Home » News Inter » Moratti ricorda Mihajlovic: “Una persona buona”, poi il retroscena sull’Inter