Paradossale Lewandowski: “Non abbiamo vinto perché ci siamo dimenticati di difendere”

La grande serata di ieri verrà ricordata a lungo dai tifosi dell’Inter: i ragazzi di Inzaghi, con le unghie e con i denti, sono tornati a Milano con un pareggio che assomiglia molto più ad una vittoria. Questo nonostante il clamoroso match point fallito da Asllani sul finale di gara. Un punto, quello conquistato al Camp Nou contro il Barça, che consente ai nerazzurri di avere tutto sotto il proprio controllo: basterà infatti una vittoria contro il Viktoria Plzen per superare un girone che il mese scorso assomigliava ad un ostacolo insormontabile. In casa Barcellona ha parlato, tra gli altri, anche Robert Lewandowski. L’attaccante polacco, autore di una doppietta, ha commentato così la prestazione della squadra:

LEGGI ANCHE:  Zaniolo al Galatasaray, è fatta: svelata la cifra che guadagnerà l’Inter!
Inzaghi
Lewandowski Inter Barcellona

“Avevamo così tanta voglia di segnare che ci siamo dimenticati di difendere e dei contropiedi avversari: l’Inter arrivava troppo facilmente nei pressi della nostra porta. Purtroppo i tanti infortuni ci hanno condizionato, non è mai facile cambiare formazione di continuo. In più l’Inter è una squadra arcigna, che difende con cinque uomini e per questo ci costringeva a buttarci in avanti. Siamo delusi per non aver vinto”.

PIERFRANCESCO VECCHIOTTI

Sei qui: Home » News Inter » Paradossale Lewandowski: “Non abbiamo vinto perché ci siamo dimenticati di difendere”