Lukaku alla Gazzetta: “Conte come un padre, amo l’Italia. Dopo la finale non ho parlato per quattro giorni”

Lukaku
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Romelu Lukaku ha rilasciato un’intervista a Gazzetta dello Sport in cui racconta, partendo dall’infanzia, del suo rapporto col calcio e della sua famiglia.

Al centravanti dell’Inter viene chiesto quando ha scoperto il calcio:

«Avevo un anno e mezzo. Eravamo a casa a Liegi, in Belgio, e
da quel giorno non mi sono mai più separato dal pallone.
Così è iniziato il mio amore per il calcio. Papà mi portava, ogni
volta che poteva, ai suoi allenamenti. Lui è partito dallo Zaire
per giocare a calcio in Belgio, è arrivato nel 1990 e ha militato
dieci anni nella loro Serie A».

Ma, finita la carriera del padre, la famiglia, senza risparmi, ha grosse difficoltà:

«Mio papà non ha avuto fortuna con i soldi. Quando ha smesso la carriera non ha comprato una casa, non ha risparmiato. Quando lui ha finito di giocare io ho capito velocemente che noi avremmo avuto delle serie difficoltà economiche. Ho deciso subito di fare il calciatore. Volevo migliorare la situazione della mia famiglia».

Un’infanzia dura, fatta di momenti altrettanto duri. Romelu ci parla di uno di questi in particolare:

«Un giorno, prima di andare a scuola, vidi mia madre fare un
gesto che non ho mai più dimenticato. Prendeva il latte rimasto
del giorno prima, aggiungeva l’acqua e poi lo riscaldava per darlo a noi bambini.
Era la colazione che dovevamo fare io con mio fratello.
Ero piccolo, andavo in prima elementare. Aver sofferto, avere visto i sacrifici dei miei genitori mi ha dato tanta forza, sempre. Niente è arrivato facilmente per me. Non ho avuto dei regali, ho conquistato ogni cosa»

E proprio questo conquistare ogni cosa ha fatto di Romelu il “Gigante buono”, tanto da voler sempre esprimere la sua gratitudine ai suoi genitori per averlo cresciuto:

«Avevo sedici anni. I primi anni della mia carriera ho lasciato tutti i soldi a mio padre e mia madre, perché loro avevano bisogno. A me bastava giocare a calcio. Era la cosa più bella, non pensavo ad altro. Mi bastava una Playstation 3 o una X-Box per giocare con mio fratello. Niente di più. Ma la prima cosa che ho fatto, quando ho firmato il contratto, è stato comprare una casa ai miei. Mi avevano tirato su, mi avevano fatto andare a scuola, avevano sofferto e faticato per me. Era giusto che li risarcissi».

Lukaku parla anche delle sue origini africane e della lontananza con i suoi parenti in Repubblica Democratica del Congo:

«Mi dispiace molto che i miei nonni, che erano rimasti in Zaire, non possano vivere con me questo momento della mia vita. Mi fa male. Avevo un ottimo rapporto con il papà di mia mamma: è lui che mi ha spinto a fare il calciatore. Lui un giorno mi ha detto con solennità che tutta la responsabilità della famiglia era sulle mie spalle. E dopo una settimana è morto di cancro alla prostata. Mi manca molto».

Importante, per Lukaku, il suo rapporto con le lingue:

«Adesso ne conosco sette. L’unica che ho veramente studiato è lo spagnolo, a scuola. Negli ultimi due anni era obbligatorio fare tre ore di spagnolo a settimana. Allora pensavo di andare nella Liga e perciò mi hanno dato un professore di spagnolo che veniva a casa per tre ore a settimana. Con lui ho imparato lo spagnolo e quello mi ha aperto tutte le porte e reso facile conoscere anche la vostra lingua».

A proposito della nostra lingua, un altro aneddoto:

«Giocare in Serie A era uno dei miei sogni. Mio fratello era nella Lazio e le sue partite le vedevo commentate in italiano. Quando sono arrivato all’Inter capivo tutto, però non parlavo bene. Allora ho chiesto al mister se per due settimane poteva parlare con me solo in italiano. Quando mi sono sentito sicuro ho iniziato. E non ho più smesso».

Parlando dell’Italia, Romelu Lukaku ha parole dolci:

«E’ il miglior Paese in cui sia mai stato. Amo stare in Italia. Mi piacciono l’amore della gente, il rispetto. Io sono una persona che rispetta gli
altri e quando incontro la gente mi piace parlare e stare con loro. Gli italiani mi hanno accolto molto bene e io sono grato a tutti. Anche il calcio italiano è un calcio che va bene per me, mi ha fatto migliorare in tutto. Ho voglia di crescere e voglio fare ancora di più per la squadra, il mister, la società e soprattutto per i tifosi».

Proprio a proposito di ciò, si esprime sul sogno scudetto:

«Per me la cosa più importante è parlare in campo, dobbiamo giocare e far bene nei 90’. Fuori dal campo non sono una persona che parla tanto. Preferisco esprimermi quando gioco. Ma voglio dare tutto quanto posso per far bene, quest’anno. Per far bene all’Inter».

Poi, il suo rapporto con Antonio Conte:

«Per me è un mentore, un padre, una persona che mi capisce veramente bene. E anche io lo capisco e gli sono grato della stima che ha sempre avuto per me. La prima volta che lui mi ha chiamato, sei anni fa, già voleva che fossi acquistato. Per me giocare per lui è veramente la realizzazione di un sogno. Vedi le sue squadre e capisci che puoi, come singolo e come collettivo, imparare tanto e migliorare tanto. Sento di essere cresciuto molto nella stagione scorsa, merito del mister e del suo staff. Ma dobbiamo pensare sia solo l’inizio. Dobbiamo migliorare ancora e Conte è l’allenatore giusto per farlo».

A Romelu viene chiesto di commentare il neo-acquisto Vidal:

«Per noi l’arrivo di Vidal è molto importante: è un giocatore di grande qualità. L’anno scorso abbiamo fatto bene ma se dobbiamo migliorare è in qualità ed esperienza. Due doti che Vidal ha. Non si vince tanto e con squadre diverse se non si è giocatori di livello».

Lukaku è un giocatore noto anche per la sua forte leadership. Qui ci spiega i requisiti per essere un leader:

«Avere la mentalità positiva, cercare sempre di essere migliore del giorno prima ed aiutare i propri compagni in ogni momento. Ed essere disponibili anche a soffrire, a prendersi responsabilità, a condividere vittorie e sconfitte. Non solo con i compagni di squadra ma con tutto il collettivo. Una squadra vince anche con i magazzinieri o con lo staff medico. Stiamo insieme e insieme vinciamo o perdiamo. Per me giocare nell’Inter è un sogno che si realizza. Non avrei mai potuto immaginare che si avverasse. Io non prendo questa opportunità alla leggera, sono venuto qua per fare bene, per lasciare un segno. Ogni giorno, quando mi sveglio, voglio fare di tutto per migliorare. Posso giocare bene o male ma ogni volta che scendo in campo voglio dare tutto. Anche in allenamento sono così. Il mister e i compagni mi prendono in giro perché io mi arrabbio anche quando perdo le partitelle tra noi. Questa è la mia maniera di giocare al calcio, di pensare il calcio. Quando non sarà più così, smetterò».

Ovviamente, immancabile la domanda sulla finale di Europa League:

«E’ stato un momento molto difficile per me. Non ho parlato nei quattro giorni successivi alla partita. Però un giorno mi sono svegliato e mi sono dato una ragione. Nella stagione passata non abbiamo vinto il campionato per un punto, abbiamo perso la semifinale della Coppa Italia perché non abbiamo fatto un gol e poi la finale 3 a 2, in quel modo. Sono cose che succedono. Solo soffrendo si migliora. La vittoria è fatica, è carattere, è analisi dei propri limiti. Ma è combattività, è voglia di riscatto e di successo. Si può perdere, ma solo per imparare a vincere».

Il razzismo è una piaga ancora presente in Italia. Ecco come la vede Lukaku:

«Esiste ancora, in tanti campionati, in tutta Europa. Ed è assurdo. Il football è multiculturale, multietnico. In ogni squadra c’è un giocatore di un’altra nazionalità, di un altro colore, di un’altra religione. Dobbiamo rispettare tutto questo. E’ lo sport, è la vita. A me in Italia è successo una volta di avere problemi. Ho reagito, ma poi non è più accaduto. Amo il vostro Paese e il vostro calcio. E i tifosi di ogni squadra mi rispettano, come giocatore e come uomo. Non voglio confondere tre o 300 che fischiano con migliaia di spettatori e di cittadini civili. Ho fiducia che l’assurdità del razzismo sia consegnata al passato».

Romelu parla dei problemi del mondo che vorrebbe risolvere:

«Se avessi le chiavi del mondo lavorerei per debellare ogni malattia e rimuovere le povertà. Uguali diritti per tutti».

Poi, la conversazione torna sul calcio. Gli viene chiesto di parlare degli stadi vuoti:

«E’ brutto. Si sente tutto. Anche quello che dico io, che forse non dovrebbe sentirsi. Speriamo che i tifosi possano rientrare presto negli stadi e rimanere in sicurezza. Stiamo facendo le cose bene, in Italia, e speriamo che gli spettatori possano rientrare presto sugli spalti. Perché il calcio senza tifosi non è vero calcio».

Una domanda spesso rivolta a giocatori provenienti dalla Premier, la differenza tra Serie A e il massimo campionato inglese:

«Il calcio italiano è molto più tattico. Per giocare a certi livelli devi essere intelligente nelmovimento, nella gestione della palla, tecnicamente devi essere più forte perché non c’è lo spazio e neanche il tempo per girarsi. Un giocatore veramente pericoloso – che so, Ibrahimovic, Dybala o Lautaro – quando prendono la palla hanno sempre tre giocatori che li marcano. Bisogna lavorare tanto. Per me la partita non si prepara lo stesso giorno in cui si svolge. Io, se giochiamo il sabato, inizio a pensare alla partita il mercoledì. Studio come un difensore gioca, come si dispone in una posizione o come reagisce in certe situazioni. Dopo l’allenamento resto 15, 20 minuti con lo staff dell’allenatore. Facciamo qualche simulazione dei movimenti della difesa avversaria, così sono preparato ad ogni situazione».

A proposito di tattica, il difensore più forte che ha incrociato in Serie A:

«Sono tutti forti, in Italia. Koulibaly è tosto, mi diverto quando gioco con lui: mi piace il contrasto, la forza dell’avversario. E’ così con Klavan che gioca a Cagliari, o Kumbulla che era al Verona o con Bonucci o Romagnoli. Tutti giocatori che quando giocano con me ci mettono un impegno particolare. Ma questo vale anche per me, perché voglio vincere, e più il difensore è forte e più mi motiva. Non si meravigli, ma un buon difensore rende l’attaccante migliore, perché lo obbliga a dare tutto e a cercare nuove soluzioni».

Parlando di difensori di Serie A, viene chiesto a Romelu di parlare del centrocampista che gli ha fatto i lanci migliori:

«De Bruyne, senza dubbio. Lo conosco da quattordici anni e giocavo contro di lui, conosco le sue qualità. E’ di un livello inimmaginabile».

Lukaku parla poi di Barella, che l’ha colpito particolarmente:

«Barella sarà un giocatore molto importante, per la Nazionale e per l’Inter. E’ un ragazzo cresciuto molto negli ultimi sei mesi ed è impressionante con la palla e anche a livello fisico, di mentalità. Anche Esposito può essere un calciatore importante,madeve giocare di più. Con lamentalità che ha e con più minuti in campo potrà dare molto. Stimo anche Kean. E Chiesa».

Ultima domanda: ecco come Romelu Lukaku descriverebbe il calcio ad un bambino:

«Umiltà, voglia di lavoro, testa e fame. Avere fame per vincere, lavorare tanto per appagarla, per mangiare il campo. Ogni istante di ogni partita».

Insomma, Lukaku si dimostra di nuovo un agglomerato di forza, umiltà e determinazione.