Sei qui: Home » News Inter » Lucci nega, ma Vecino è ai saluti. E spunta un retroscena con Conte…

Lucci nega, ma Vecino è ai saluti. E spunta un retroscena con Conte…

Matias Vecino non è più una pedina indispensabile nello scacchiere dell’Inter. A confermarlo è anche la recente visita in sede da parte del suo procuratore Alessandro Lucci. Nonostante quest’ultimo abbia parlato di “nessuna novità, lui sta benissimo a Milano“, è impossibile non pensare ad una sua cessione già a gennaio (anche in virtù dell’arrivo di Christian Eriksen). E intanto il Corriere dello Sport diffonde la notizia di un Conte contrariato per l’atteggiamento dell’uruguaiano in allenamento…

DOLORI E INCOMPRENSIONI

A quanto pare, durante la rifinitura di lunedì Vecino avrebbe avvertito nuovamente dolore al polpaccio (nonostante l’esito degli esami strumentali fosse negativo) e avrebbe abbandonato il Suning Center senza avvisare Antonio Conte. Al che il tecnico salentino sarebbe andato su tutte le furie, facendo richiamare il centrocampista e “rilasciandolo” solo dopo un colloquio. Si tratta solo di un episodio, ma che sommato al contorno permette agli esperti di mercato di sbilanciarsi.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Inter, spunta un’altra squadra per Casadei: la situazione

SULLE TRACCE DEL MATE

Qualora dovesse fare le valigie, chi sarebbe pronto ad accoglierlo in rosa? In Italia si parla di Lazio, interessata a rinforzare la rosa in vista di un eventuale Champions League del prossimo anno; Igli Tare ha un debole per Vecino, ma dovrebbe prima sistemare alcuni esuberi. Sirene anche dalla Premier League, con il Tottenham e l’Everton in primissima fila. Chi la spunterà tra Mourinho e Ancelotti?