Keita: "L'Inter mi deve riscattare, con me farebbe un affare. Sono ancora al 60%"

Keita: “L’Inter mi deve riscattare, con me farebbe un affare. Sono ancora al 60%”


Keita Balde è stato protagonista di una lunga intervista rilasciata a Tuttosport, durante la quale si è soffermato su diversi argomenti.

Keita: “L’eliminazione dalla Champions è stata un gran peccato”

Nel corso dell’intervista a Tuttosport, Keita Balde ha parlato dell’eliminazione in Champions League: “E’ stato un grande peccato, volevamo tutti la qualificazione, ma è andata così. Il calcio però permette ogni weekend di voltare pagina, ci sono nuove opportunità e bisogna guarda avanti”.

Cosa è mancato per superare il girone?
“Un po’ di fortuna, ma anche la consapevolezza dei nostri mezzi, delle nostre possibilità. Potevamo passare il turno se avessimo messo più testa e cuore, in quel modo forse sarebbe girata a nostro favore”.

Si riparte dall’Europa League: l’Inter può arrivare in fondo?
“L’Europa League è una competizione da non buttare, è importantissima, è una vetrina. Dopo l’eliminazione dalla Champions, come società e squadra, ma anche per la storia del club, dobbiamo puntare a vincere il trofeo”.

E in campionato dove può arrivare l’Inter?
“Non abbiamo un obiettivo fisso. Dobbiamo sicuramente migliorare e provare a rimanere fino a maggio fra le prime tre. Dobbiamo stare lì”.

Ma la Juve è irraggiungibile?
“La Juve è una società molto forte e ha una squadra altrettanto importante. Questo lo sappiamo, ma anche l’Inter lo è. Loro però vincono da tanti anni e questo ha fatto crescere molto la loro mentalità. Inoltre ormai in Italia sono tutti abituati a darla per campione d’Italia a dicembre, ma il campionato è ancora aperto, mancano tante giornate. Vedremo”.

Nello scontro diretto di Torino del 7 dicembre ha notato tutta la differenza di punti che c’è fra le due squadre? 
“Sinceramente no, in campo non ho avuto l’impressione di questo fumo che avvolge ogni discorso che si fa sulla Juve, i commenti dei tifosi o degli addetti ai lavori sulla loro imbattibilità. Noi abbiamo avuto l’opportunità di fare gol due volte prima di loro e se fossimo passati in vantaggio sarebbe diventa dura per loro. Noi rispettiamo la loro forza, ma anche loro penso rispettino la nostra. Secondo me non è impossibile batterla”.

Il presidente Zhang durante la festa di Natale ha fatto un discorso molto forte: da dentro la sente anche lei questa voglia della proprietà di tornare ai vertici?
La mentalità del presidente mi piace molto, è una persona che dà entusiasmo e lo sa trasmettere. Il presidente ha voglia di fare e questa cosa la sento in prima persona fin da quando sono arrivato. Quando ero alla Lazio non potevo conoscere bene i progetti della società, ma sono certo che due-tre anni fa non fosse così. Suning ha portato un’organizzazione migliore, si può costruire una base solida e puntare a determinati traguardi”.

Come ha trovato l’Inter? E’ come se l’aspettava?
“Mi immaginavo fosse una grande società e così l’ho trovata. Per altro fin da quando ero piccolino seguivo spesso le partite delle due milanesi: a mio papà piaceva il Milan degli olandesi e da quel momento si era affezionato, invece io seguivo di più l’Inter perché guardavo Adriano, Martins e Ibrahimovic. Alla play station prendevo sempre i nerazzurri e poi è pure arrivato il mio idolo Eto’o”.

Fra l’altro lei e l’Inter vi siete sfiorate tante volte negli anni scorsi…
E’ vero, si è parlato di me due o tre volte, ma secondo me il trasferimento è arrivato al momento giusto”.

In estate l’Inter sembrava vicina a prendere Vidal, poi Spalletti ha preferito avere un esterno: la vive come una responsabilità in più?
Non la vivo così. Sono fiero di essere qua e che il mister mi abbia scelto”.

Il tecnico ha dimostrato nei fatti di puntare su di lei: dall’inizio o a gara in corso l’ha quasi sempre schierata.
“Il mister ha le idee chiare e sa quello che fa”.

Che Keita abbiamo visto finora all’Inter?
“Il meglio lo dovete ancora vedere. Diciamo che sono al 60-70%”.

Cosa direbbe all’Inter per convincere i dirigenti a spendere 34 milioni per acquistarla dal Monaco?
“L’Inter mi deve riscattare perché farebbe un affare. Ho entusiasmo come il nostro presidente e voglio aiutare la squadra a crescere”.

Il fatto che Marotta, che la voleva pure alla Juve, sia diventato il nuovo ad dell’Inter può essere un aiuto per il suo riscatto?
“Non so se può essere un alleato per la mia situazione, ma di sicuro sarà un aiuto non solo per me, ma per tutta l’Inter perché è un grandissimo professionista”.

Senta, ma perché lei che è nato in Spagna non ha il doppio passaporto, ma solo quello senegalese?
“Dovevo prenderlo quando arrivai alla Lazio, poi ci furono dei contrattempi e fui tesserato da extracomunitario. Però nel 2019 arriverà il passaporto spagnolo, manca poco. Anche perché tutti i miei fratelli, tre maschi e una femmina, hanno la doppia cittadinanza”.

Fonte foto: ©FabrizioAndreaBertani




Loading...

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl