EDITORIALE - Inter, gli stessi 11 per dare un segno di continuità