L'Inter tra mercato e recuperi, oggi giornata importantissima

Sala d’attesa Inter: tra mercato e recuperi si decide il futuro


Giornata importante per l’Inter nonostante non sia in campo oggi. Roma e Lazio infatti recupereranno in serata le sfide contro Sampdoria e Udinese, dando la giusta visione del treno Champions. I nerazzurri sono in ogni caso sicuri del quarto posto per il vantaggio degli scontri diretti ma non possono gongolare, la rosa è limitata e fino all’ultimo giorno di mercato si cercheranno miracoli.

Oggi i recuperi della A, Inter spettatrice interessatissima

Come riporta La Gazzetta dello Sport il pianeta Inter è sulle spine. Luciano Spalletti ha tuonato domenica notte e ora attende risposte concrete dalla proprietà e dagli uomini mercato nerazzurri. Restano appena sette giorni (il 31 gennaio cala il sipario sulle trattative) per puntellare una rosa che dalla metà campo in avanti ha bisogno di qualità, cambio di passo e peso.

La lunga volata Champions si annuncia infatti piuttosto complicata: Juve e Napoli sono scappate, lo scudetto è affar loro,restano quindi solo due posti per l’Europa che conta, e i nerazzurri dovranno arrivare davanti almeno a una fra Lazio e Roma. In serata la classifica di Serie A tornerà fra l’altro «reale» con i recuperi delle due romane: giallorossi di scena a Marassi, contro la Samp; la banda Inzaghi attende invece l’Udinese. Nella peggiore delle ipotesi, in ottica milanese, Icardi e compagni si troveranno a­ 3 dalla Lazio e appaiati alla Roma (scontro diretto a favore però).

Mercato, si sogna Pastore

In mezzo al campo ci vorrebbe qualcuno che abbia il livello di calcio adatto a lottare per dei primati importanti”. L’indicazione di Spalletti è chiarissima: vuole maggiore dinamismo, chiede quindi un uomo di gamba, possibilmente esperto e con qualche gol nella cartucciera. L’identikit di Ramires per capirci, una soluzione perfetta anche rispetto al fairplay finanziario e alle «restrizioni» del governo cinese: sulla carta sarebbe infatti agevole intavolare un prestito oneroso con il «club gemello» Jiangsu. Il problema è che Suning continua a mettersi di traverso rispetto a questo potenziale affare, atteggiamento difficilmente spiegabile e che forse l’altra notte ha contribuito in buona misura a far esplodere il tecnico nerazzurro.

L’impressione è che il d.t. Suning Walter Sabatini cercherà fino in fondo di trovare un punto di incontro con i vertici di Nanchino (proposte varie alternative per lo Jiangsu con in testa il camerunese Mbia), ma nel frattempo è stato inevitabilmente avviato un nuovo casting in mezzo al campo. Tanti nomi, zero affondi al momento: piacciono William Carvalho (Sporting Lisbona), Manuel Fernandes (Lokomotiv Mosca), Thomas (Atletico Madrid), Cyprien (Nizza) e Bissouma (Lilla). Occhio poi al classico «mister X», una specialità di casa Sabatini.

Il sogno resta Javier Pastore obiettivamente il numero uno da sempre nella lista di Sabatini e Ausilio. Ieri nuovo incontro con Simonian, agente dell’argentino. E’ la carta dell’ultimo giorno: a Milano
sperano sempre nel prestito, contando parecchio sullo splendido rapporto che lega la proprietà araba del Psg a un giocatore che vuole giocarsi ogni carta pur di andare al Mondiale.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy