IL CANTO DI NATALE - Lo Spirito del Presente

IL CANTO DI NATALE – Lo Spirito del Presente


“Eppure una notte dura solo una notte, fra poco sarà giorno e sarà tutto finito!”
In realtà l’oscurità insieme alle sorprese sembrava non dovessero terminare mai e poi quella frase prima di scomparire “Qualcun altro verrà…” non lo lasciava certo tranquillo.
Il Biscione era inquieto, frastornato per ciò che aveva visto e preoccupato per ciò che sarebbe potuto succedere, ma provò ugualmente a riaccoccolarsi a letto e riprendere il riposo.

Ma non fece a tempo a chiudere gli occhi che fu ridestato da un click, seguito dal rumore sommesso di passi. Delicate, quasi felpate, ma falcate decise e continue.
Spalancò immediatamente gli occhi, diresse lo sguardo sulla porta e vide spuntare un fronte, ampia, molto ampia, sproporzionata e solcata da una decina di rughe che facevano apparire la pelle come un oceano solcato da mille onde, poi apparve una testa glabra, senza il ben che minimo cenno di peluria e a pensarci bene neppure quella era tanto piccolo. Piano piano si palesarono anche il viso e tutto il resto del corpo: “Buonanotte, è un onore essere qui. Per non disturbare ho lasciato la macchina nella stanza accanto a quella dei trofei, mai avrei voluto sfiorarli o ancor più rovinarli. Sono un miraggio, un’idea, un’utopia, un sogno…Non sono mai stato davanti a cotanta storia e bellezza, ma io sono Luciano, il Presente e ora è proprio tempo di andare…”.
Il Biscione rimase basito, quello strano spirito tutto fronte faceva strani giri di parole, incespicava, usava un lessico non dei più forbiti e proponeva metafore quantomai azzardate, ma tanta era la gentilezza, l’eleganza e la cortesia di quella voce quanto la sua fermezza e la sua consapevolezza. Non vi erano tracce di imbarazzo, anche la mano che lo prese per una spira era ferma e fiera e non poté far altro che seguirlo.
Parlarono per un tempo che al Biscione parve infinito, pendeva totalmente dalle sue labbra, nonostante la sua innata e nota riservatezza, credette di conoscerlo da sempre malgrado si fosse appena presentato e lo seguiva ovunque che si spostasse di un centimetro o di un chilometro.

Ma il tempo è tiranno e non se ne può sprecare, Luciano tacque per alcuni secondi, pochi, pochissimi, giusto il tempo per riagguantare il Biscione per la sua spira centrale, iniziare a correre e mostrargli immagini dolci e oscene, lusinghiere e terribili.
Davanti agli occhi del Biscione non si presentarono più banche, creditori, usurai e tagliagole, vide anche un piccolo esemplare di Yellaticus indonesiano, tipico bipede dell’arcipelago asiatico che si aggira con una mano sui testicoli mentre nell’altra tiene un pallone da basket, divoratore di dollarus o in alternativa ghiotto di montagne di eurolus, che si allontanava da San Siro, ma rimase alquanto turbato da due panda giganti armati di falci e martelli, avvolti in bandiere rosse con le stelle gialle, che impedivano l’ingresso ad un enorme portone verde caratterizzato da un enorme scritta Yuan.
Luciano guardò il Biscione, lo accarezzò, fece una mezza smorfia e gli sussurrò: “Nulla è semplice, siamo pazzi…” e di nuovo tornò a tacere.
Gli apparvero i Karessa’s, (da cui sembra si dovrebbe trarre anche una serie televisiva per SfayUno) uomini megafono che gridano parole in libertà senza soluzione di continuità e senza un senso, che al solo vederlo lo insultarono, lo minacciarono e provarono a rubargli il portafogli, seguiti da Redazioni, uomini penna che  nell’arco di un paio d’ore possono riempire stanze, case, palazzi, città di schizzi di inchiostro astratti che evochino una cosa e il suo esatto contrario senza mai neppure pulire, ma continuarono a correre.
“Ora stringiti forte a me!” gli consigliò l’uomofronte al Biscione sempre più inorridito ma al contempo curioso e gli si mostrarono nell’ordine: Santon, Nagatomo, D’Ambrosio, Dalbert, Ranocchia, Joao Mario, Cancelo, Karamoh, Eder,  più distante, davanti ad una porta semiaperta illuminata a metà, stava il mostro Ausilicus che mentre rideva abbracciava Kondogbia e Gabigol pronti a scattare.
Il Biscione rabbrividì e si strinse più forte che poté a LucianOne che lo accarezzò, sorrise e gli disse: “Non preoccuparti, il mostro Ausilicus sarà sconfitto da Walter Tobacco”. Poi iniziò a parlare ininterrottamente con lui e con tutti i microfoni immaginari che si possano pensare. Ma tra le tante parole il Biscione ne ricordò solo alcune: “Ora noi siamo #senzatregua, vogliamo vincere, dobbiamo vincere ed è ciò che faremo, rimanendo testardi, diversi, unici, Pazzi”.
E per finire: “Ora il mio tempo si è fatto ed il mio compito assolto. Qualcun altro verrà” e borbottando l’uomofronte si dissolse.




Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl