Stramaccioni: "Che vittoria quel 3-1 allo Stadium. Spalletti super e Juve favorita, ma sono fiducioso..."

Stramaccioni: “Che vittoria quel 3-1 allo Stadium. Spalletti super e Juve favorita, ma sono fiducioso…”


La prima squadra a trionfare nell’attuale Allianz Stadium è stata l’Inter di Andrea Stramaccioni nella stagione 2012/2013. Ecco le sue parole al Corriere dello Sport.

Cosa ricorda della vittoria per 3-1 a Torino del 3 novembre 2012?
«Una grandissima soddisfazione per tutti. Per l’andamento del match quella fu una delle vittorie più memorabili dell’interismo, un successo davvero incredibile: ribaltammo il risultato dopo una serie di errori arbitrali che avrebbero fatto spaccare la tv a qualsiasi tifoso, contro i più forti, nello stadio dove i bianconeri avevano solo vinto e schierando tre punte senza paura. Un trionfo memorabile».

Ricorda la mano fratturata per protesta tirando un pugno alla panchina e la polemica con Marotta che nel pre partita aveva parlato di “spensieratezza” da parte sua nello schierare 3 punte?
«Assolutamente sì, ricordo tutto. Mi feci male alla mano sulla mancata espulsione di Lichtsteiner per un fallo su Palacio. Tutto questo dopo il gol dell’1-0 in fuorigioco di 3 metri. Ero giovane e impulsivo…».

Quell’Inter con Milito, Palacio e Cassano non aveva un brutto attacco
«Tre grandi campioni secondo me complementari: due seconde punte differenti, una di infinito talento come Cassano, l’altra con un incredibile uto del gol e capace di fare movimenti senza palla pazzeschi come Palacio. E poi lui, il Re dell’area di rigore, il Principe Milito».

Dopo quella vittoria aveva pensato di poter lottare per lo scudetto?
«Eravamo lì (-1 dalla Juve, ndr), peccato… La serie incredibile di infortuni e le prime voci sulla cessione del club rovinarono tutti gli equilibri».

La Juventus è favorita?
«Si perché gioca in casa, allo Stadium».

Qual è il merito principale che riconosce ad Allegri?
«Saper cambiare pelle quando le cose… “non gli quadrano”. Lo stimo molto perché secondo me è la cosa giusta da fare».

Qual è invece il principale merito di Spalletti?
«Aver immediatamente azzeccato il blocco dei 13-14 giocatori su cui puntare forte, senza “perdere per strada” gli altri. Ha dato alla squadra certezze difensive che in passato erano mancate e proprio la solidità del pacchetto arretrato può essere una chiave per far bene a Torino. L’impatto di Spalletti è stato impressionante e solo il percorso incredibile di Juve, Napoli e Roma lo rende meno impressionante di quello che è».

Chi sono i giocatori che possono decidere il match?
«Icardi e Dybala».

Dispiaciuto di non aver allenato Icardi?
«Ogni volta che lo incontro o ci scriviamo un messaggio ricordiamo quello che poteva succedere. Eravamo in Saras, prima di Natale (nel 2013, ndr), Moratti, Branca, Ausilio ed io. Decidemmo che Mauro sarebbe stato il dopo-Milito e l’Inter lo acquistò. Vi racconto anche un aneddoto: qualche settimana dopo giocammo contro la Samp a Marassi e nel sottopassaggio dissi a Icardi: “Qui bellissimo stadio, ma fra qualche mese devi cominciare a segnare anche a San Siro”. Mi ha preso “troppo” alla lettera ed è diventato semplicemente una macchina da gol».

L’Inter è da scudetto?
«Non dico niente, ma ci credo».

Come giudica la sua attuale esperienza professionale?
«Lo Sparta Praga è un club con milioni di tifosi e una storia che rappresenta una nazione. Sono orgoglioso di essere il primo allenatore straniero. Purtroppo sono 3 anni che siamo lontani dal vertice e questo è il momento più difficile per una società vincente: la ricostruzione di un ciclo. Ci sono passate anche le big italiane, Inter e Juve comprese. Siamo a 4 punti dalla zona Champions con il girone di ritorno da giocare. Non sarà facile, ma ho fiducia»

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl