Senza tregua: l'Inter va a Torino per vedere se ne ha di più

Senza tregua: dove arriveremo chi lo sa


Senza tregua. E’appena lunedì ma tante menti nerazzurre sono già proiettate a sabato, all’Allianz Stadium, non un palcoscenico tedesco ma lo stadio della Juventus. In testa l’immagine dello sguardo del condottiero Spalletti Luciano, senza paura, senza timori e appunto, senza tregua.

“Male che va ci riprendono in classifica”. No non funziona così

Ammettiamolo, è stata una domenica da alte vibrazioni per il popolo nerazzurro. Lo è diventata dopo il gol del coscritto Brignoli Alberto, professione portiere, hobby gol e licenza di entrare nella storia di tre squadre: Benevento, Milan e…Inter, perché ora ad ogni de Boer pronunciato dai rossoneri verrà riproposto un Brignoli.

Poi ci ha pensato Caressa Fabio, professione cantautore (o giornalista, dipende dal tempo) che professava: “L’Inter non batterà il Chievo“. Ora, va bene non poter urlare “Andiamo a Berlino” per l’anno prossimo ma da qui a prendersela sempre contro i nerazzurri diventa uno spot di una noia mortale.

Non solo, è stata la settimana in cui Sarri Maurizio, banchiere con concessione di allenare, faceva notare che l’Inter faceva un campionato a parte, come se fosse piacevole per un tifoso della Beneamata organizzare un martedì e un mercoledì sera tra fiction e cartoni animati. La replica “Arrivi settimo e faccia la stessa cosa” è arrivata. Così, senza tregua.

Si va a Torino, si va da capolista e si ascolta il condottiero, niente brutti pensieri, vediamo che succede.

“Guardare dritto negli occhi la Juve e vedere chi ne ha di più”

L’annuncio di Luciano Spalletti all’Inter non ha esaltato tutti. L’estate del gran corteggiamento a Conte aveva distolto l’attenzione da un top allenatore che pareva arrivare come seconda scelta. Se così è stato è la miglior seconda scelta della storia del calcio.

Spalletti Luciano da Certaldo, professione kamikaze, rimette a posto una squadra derelitta e ne fa un capolavoro. I nomi principali non sono Perisic e Icardi ma Santon Davide e Ranocchia Andrea, due che nominati lo scorso anno rievocavano lapidazioni immediate.

Santon ieri è stato fenomenale, sopratutto perché si è visto un giocatore che senza paura prova anche la conclusione, una cosa che in passato avrebbe generato ondate di fischi. E Ranocchia? A tratti sembrava anche la versione glamour di Ignazio Moser, conquistator della Cecilia di Argentina, uno che in pratica può far quel che vuole dove vuole. Avesse segnato…guai!

Si va a Torino da primi in classifica. L’effetto Mancini con l’illusione di due anni fa è ancora fresca, per questo sognare costa ancora carissimo. Ma quello che sta combinando Spalletti (+7 sul quinto posto, anche se potenzialmente sarebbe +4 in caso di vittoria Lazio nel recupero) è un buon argomento per guardare dritto negli occhi chi domina da svariati anni e che ora invoca il VAR ad ogni piccola paura.

Perché da Certaldo sta arrivando il vento del terrore, che ha l’efficacia del killer Icardi che vuole i 100 gol con l’Inter, che ha la faccia cattiva di Perisic (sorride solo a saper del 2-2 di San Brignoli), che ha le mani da tarantola di Handanovic e che ha il granito di Skriniar, uno che non ha mai detto di spostar equilibri ma, fidatevi, sposta tutto e in più si chiama Milan.

Un Milan che segna in nerazzurro.

P.s. Nell’ultimo Juventus-Inter espulsi Icardi e Perisic. Non per polemica ma i due avranno motivazioni extra. Giusto per essere fiscali come il VAR.

Sabato sera sarà un divertente esame, senza ansia, senza sogni. Si va a Torino per vedere che cos’è l’Inter. Ma sopratutto: senza tregua.

 

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl