CdS - Nella crisi totale nerazzurra ormai Pioli non è altro che un traghettatore

CdS – Nella crisi totale nerazzurra ormai Pioli non è altro che un traghettatore

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Crisi totale in casa nerazzurra, confermata non solo dai numeri ma da un filotto di prestazioni a dir poco imbarazzanti. Dopo la sconfitta di Marassi contro il Genoa infatti, la stagione nerazzurra sta diventando un vero e proprio calvario.

UNA CRISI SENZA FINE, INDIPENDENTE DALL’ALLENATORE

Crisi totale e senza fine per l’Inter. Come riporta il Corriere dello Sport infatti, i nerazzurri sono entrati in una spirale negativa, la cui unica fine può essere il finale di stagione, ormai distante solo 3 gare (fortunatamente). La rincorsa di orgoglio si è esaurita, acquisendo caratteri grotteschi. L’Inter ormai è sfaldata, non esiste più.

A inizio stagione Roberto Mancini andò via sbattendo la porta, stanco di promesse vuote e consapevole che sarebbe stato impossibile competere per grandi traguardi, tuttavia forse nemmeno lui avrebbe immaginato lo strapiombo, la crisi nera in cui è precipitata la squadra. Non era solo colpa di Frank De Boer, timoniere nella tempesta d’inizio stagione. E non è solo colpa di Stefano Pioli, scelto per una svolta che s’è rivelata effimera e ingannevole: al cambio di passo iniziale sono seguiti un ridimensionamento e poi una caduta senza fine, 2 punti nelle ultime 7 partite, una media da retrocessione. Il problema non è solo il conducente quindi: è qualcosa di più viscerale e profondo.

UNA SQUADRA ALLO SBANDO CHE STA PERDENDO ANCHE IL SUPPORTO DEI TIFOSI

La sensazione è quella di una squadra impotente e allo sbando. Una squadra che si trascina, d’un sesto posto che è obiettivo solo a parole ma che non è mai stato cercato. I tifosi, fino ad ora sempre vicini alla squadra e sempre in massa allo stadio, non ne possono più: ieri al ritorno a Milano non c’è stata contestazione, ma in settimana ad Appiano o al massimo domenica a San Siro la Curva Nord farà sentire la sua rabbia. Si annunciano giornate calde e ancora più difficoltose da qui al 28 maggio quindi.

SEMBRA CHE LA SQUADRA FATICHI A SENTIRE SUO UN ALLENATORE CHE ORMAI È SOLO  UN TRAGHETTATORE

Pioli non intende mettersi da parte, e la società, dopo il k.o. di Marassi, ribadisce che non cambierà panchina adesso, ma il tecnico di Parma è ormai solo un traghettatore, e forse anche questo incide sull’atteggiamento imperdonabile della squadra: i calciatori sanno che il futuro non è suo e allora magari, a livello inconscio, faticano ad ascoltarlo e dare tutto, non si impegnano.

 

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy