Ausilio: "Troppe pressioni su De Boer, facciamolo lavorare. Icardi? Giovedì è stato esemplare"

Ausilio: “Troppe pressioni su De Boer, facciamolo lavorare. Icardi? Giovedì è stato esemplare”


Il ds nerazzurro Piero Ausilio è intervenuto ai microfoni di Premium Sport a pochi minuti dal calcio d’inizio di Atalanta-Inter a Bergamo: “De Boer è l’allenatore dell’Inter e come tutti noi deve preoccuparsi di fare bene e vincere le partite. Fare programmi a lungo termine non va bene, il presente è l’Atalanta, poi penseremo al Torino e alle altre. Come Paese non siamo stati accoglienti, lui ci sta mettendo tanta buona volontà nell’apprendimento della cultura e della lingua, dal punto di vista mediatico meritava rispetto. Fondamentalmente conta il pensiero della società, che pensa che De Boer abbia tempo e stia facendo un buon lavoro”. 

deboerpensieroso

Ausilio prosegue: “Non pensiamo a De Boer e al suo staff come a extraterrestri che vengono dalla Luna: arrivano dal calcio olandese che è diverso, noi ci confrontiamo con lui e lui fa lo stesso con i giocatori, non penso che in altri spogliatoi sia diverso. Quando c’è entusiasmo e si vincono le partite tutto viene più facile e in campo c’è più coraggio, mentre quando si fa male è più complicato. Siamo tutti insieme, non si può parlare di squadra che non sta con l’allenatore. Gli serve tempo perché ha lavorato poco con i giocatori. Ha delle idee e sono convinto che presto parleranno i risultati”.

Chiusura dedicata all’ormai noto caso Icardi: “È stato chiuso in un giorno, già lunedì abbiamo avuto un confronto diretto con il ragazzo e abbiamo preso una decisione importante. La prestazione di giovedì in Europa League? Ci aspettavamo un giocatore determinato, al di là del gol ha sofferto con la squadra e ci ha messo il cuore: significa che ha capito come ci si deve comportare soprattutto in campo, perché è lì che bisogna dare l’esempio”.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy