EDITORIALE – Perisic brilla, Eder segna e Pogba…vola

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Gli Europei in fondo non sono così importanti, quando non gioca la Francia o non va in campo la nazionale di Conte.

Eh già. Perisic sembra essere rimasto un giocatore del Wolfsburg, ignoto alla stampa nostrana, Eder un giocatore discreto e non stesse all’Inter anche un buon giocatore, ma c’è chi cresce. Anzi vola.

A volare non è Ivan, neppure la Croazia, men che meno Eder, della Coppa America poi non parliamo.
A volare è ovviamente Paul Pogba. E’ Pogba ed il suo valore. Solo in Italia però. Infatti mentre in terra transalpina e nel resto d’Europa del francese che gioca sottotono ma si crede Zico, ne hanno un po’ la pancia piena, in Italia e solo in Italia, il giocatore è un fenomeno, gioca sempre bene ed il suo valore ormai non ha prezzo. Insomma è proprio Zico.

Ieri sera alla borsa di Tokyo non si è parlato d’altro ed alla fine della seduta il valore di Pogba, dopo il gol e l’assist di Perisic contro la Spagna, è aumentato di oltre 50 milioni di euro, arrivando a toccare quota 170 milioni di euro.

La stampa nostrana è già pronta con manifesti e prime pagine con la notizia che il Real sarebbe disposto a spendere 200 milioni per il ragazzo dalle strane acconciature. Nel frattempo Raiola conferma che il suo assistito non vale meno di 300 milioni e sta ricevendo molte offerte. Certo il tutto dovrà essere deciso dalla onnipresente e storica famiglia bianconera e da Marotta.

ausilio1

A proposito di onnipresenza e di Marotta, Ausilio è chiuso in camera sua, al buio, senza la possibilità di accendere la tv ed usare i suoi giocattoli. Così hanno deciso dalla Torino bianconera e così sarà. Pena un’estate intera senza mare e senza uscite con gli amici. Intanto anche un ex presidente della Confindustria non sa più che dire e come un politico (qualsiasi?) aspetta messaggi sullo smartphone, per sapere come comportarsi.

I cinesi pensano sia tutto uno scherzo e sono pronti a stare a Nanchino dove, anche se c’è un sacco di smog, comunque si vive con meno diktat, meno manovre sottobanco e più sereni.

Intanto che aspettiamo i permessi per fare il mercato, godiamoci i nostri Perisic, Brozovic, Banega, Eder e tutti gli altri criticatissimi  giocatori nerazzurri, che tanto male non stanno facendo.

Almeno finché ci lasceranno la tv o finché non li comprerà tutti la Juventus.