Bengtsson, meteora nerazzurra: "All'Inter tentai il suicidio"

Bengtsson, meteora nerazzurra: “All’Inter tentai il suicidio”


L’ex giocatore Martin Bengtsson ha di recente raccontato la sua storia alla stampa inglese. La storia di un giovane promettente (fu paragonato a Rooney) che ha vissuto momenti terribili e vive oggi senza il calcio.

Dopo brevi esperienze nell’Ajax e nel Chelsea, Bengtsson aveva realizzato il sogno di trasferirsi a Milano, sponda Inter. Da qui, però, il tracollo, che lui stesso racconta:

«Dopo essere stato colpito da infortuni e con la sensazione di essere solo in un paese straniero e stretto in un ambiente soffocante, pensai che l’unica via d’uscita era quella di tagliarmi i polsi nel dormitorio dell’accademia del club nel 2004. Ho avuto un obiettivo molto chiaro quando avevo sei o sette anni e che era giocare per il Milan, ma, alla fine, è diventato l’Inter. Mi vedevano come il nuovo Wayne Rooney. Il Chelsea mi guardava e mi allenavo con l’Ajax. Il mio unico obiettivo era di diventare un calciatore e tutta la mia identità è stata costruita intorno a quello. Era solo calcio».  Un crescente senso di insicurezza e un infortunio invalidante hanno fatto sì che lo svedese si sentisse in trappola: «È iniziato con un infortunio al ginocchio, alla fine della prima stagione all’Inter. Durante questo periodo non ho potuto giocare a calcio, ero solo sul divano. Dopo aver giocato tutte le partite possibili a Pro Evolution e FIFA ci si rende conto non c’è niente altro da fare. Perché quando si gioca così tanto il calcio diventa l’unico modo per valorizzare noi stessi. È solo calcio, tutto calcio.  Avevo bisogno di qualcuno con cui parlare, e non solo per sentirmi dire ‘impegnarsi di più’ o ‘pensare positivo’ non si tratta solo di quello. Bisognerebbe aiutare i giovani calciatori a sviluppare altri lati. Mi dovevo identificare quando entravo e uscivo dal dormitorio.Non si poteva uscire dopo le 9. Era duro non avere nessuno della famiglia in casa, c’era un bus che ci portava all’allenamento, mangiavamo, tornavamo sul bus e poi a dormire. Molti giocatori sentivano di essere in prigione e volevano scappare. Io mi chiedevo “sono un calciatore o no?”. Intanto la mia depressione era sempre più profonda e la mia soluzione fu quella di chiedere di andare in città a comprare una chitarra per avere qualcosa da fare le sere in cui non si giocava dato che non potevo fare nulla.ex-calciatore-inter1

Chiesi e loro mi rispondevano in continuazione “domani, domani” ma alla fine la comprai. Spendi la tua intera vita ad allenarti. 6 ore al giorno per molto molto tempo. Ma mi sono reso conto che non era il mondo che mi immaginavo e non vedevo una via d’uscita. Ero troppo orgoglioso per ammettere e dire “addio, non sono fatto per questo”. Avevo troppa vergogna e questa vergogna mi condusse al tentativo di suicidio. Ho preparato i rasoi nel bagno la notte prima, credo fosse il 21 settembre, mi sono svegliato e ho iniziato a tagliarmi polsi e braccia iniziando a sanguinare. Poi sono andato in stanza in qualche modo e caddi svenuto».

Oggi Bengtsson vive lontano dal calcio: musicista e scrittore, ha pubblicato un libro autobiografico intitolato In the shadow of the San Siro” (Nell’ombra di San Siro).




Loading...

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl