Hecking velenoso: "L'Inter? Gli resta solo il blasone. Perisic affascinato dai nerazzurri, gli brillavano gli occhi"

Hecking velenoso: “L’Inter? Gli resta solo il blasone. Perisic affascinato dai nerazzurri, gli brillavano gli occhi”


L’allenatore del Wolfsburg, Hecking, intervistato da La Gazzetta dello Sport, si è lasciato andare a qualche esternazione abbastanza critica nei confronti dell’Inter e del calcio italiano.

Nella scorsa stagione la squadra tedesca affrontò proprio i nerazzurri agli ottavi di finale di Europa League, con Hecking che ha esultato al momento del sorteggio. Il motivo di questa gioia il tecnico lo spiega così: “La reazione alla mia esultanza palesa il problema del calcio italiano. L’Inter avrà pensato che eravamo matti a credere di batterli: un glorioso passato contro una società piccola… Ero contento del sorteggio perché portare un club importante come l’Inter nel nostro stadio faceva piacere a tifosi e società. Ma ero anche consapevole che ai nerazzurri restava solo il blasone e che la squadra non era fortissima. Credo di essere realista nelle mie considerazioni: quando poi pescammo il Napoli dissi che non sarebbe stato così facile…”.

perisicHecking ha poi lanciato una frecciata al calcio italiano: “Bisogna essere consapevoli di ciò che si è. Il nostro centro sportivo è fra i migliori in Europa. Non per questo bisogna puntare più in alto di quel che si può raggiungere. Se si fissano obiettivi irrealizzabili se ne pagano le conseguenze sul campo: non si può essere vincenti, perché i traguardi sono irraggiungibili. Si guardi ai club italiani: Inter e Milan puntano in alto perché storicamente si sentono fra le top d’Europa, ma poi non convincono. Bisogna restare in contatto con la realtà, col presente. Se la Juventus parte così male in campionato e vince lo Scudetto in scioltezza c’è per forza qualcosa che non va”.

Infine, una battuta anche su Ivan Perisic, che ha voluto fortemente trasferirsi all’Inter: “Lo avrei confermato volentieri. È un giocatore pazzesco. Credo che per i croati la Serie A sia un campionato particolare. Il blasone dell’Inter lo ha affascinato, gli brillavano gli occhi. Mi disse chiaramente che per lui era il massimo. Dal punto di vista tecnico non avevo motivo di lasciarlo andare, ma era giusto dirgli di godersi la nuova avventura. Ci sentiamo ancora molto spesso. Ci ha scritto dopo la gara d’andata col Real, si è detto dispiaciuto dopo quella di ritorno. Credo sappia che ci deve molto. Sta facendo bene, ma può fare di più“.

 




Loading...

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl