Mancini: “Champions ancora possibile. Domani dubbio Medel-Juan in difesa”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Conferenza stampa pre Frosinone particolare per Mancini, che non è da solo ma in compagnia di Yuto Nagatomo, fresco di rinnovo.

Mister, come ha visto la squadra dopo la sconfitta di Torino?

“Sta bene, si sta allenando ed è molto concentrata”.

La Champions ormai è sfumata, come si punta ora all’obiettivo minore?

“La Champions è ancora possibile, ci sono tanti punti a disposizione e dobbiamo puntare sempre al massimo. Siamo un grande club”.

Sarebbe bastato battere Carpi Sassuolo e Torino e si era terzi, davanti la Roma. Cali di concentrazione?

“Abbiamo perso troppi punti in casa, potevamo avere 10 punti in più dalle partite in casa. Abbiamo fatto degli errori pagandoli troppo cari”.

A fine anno rinnovo anche per lei?

“Noi allenatore non siamo come i calciatori. Se ero un calciatore avevo già rinnovato. Vedremo in futuro cosa succederà”.

Jovetic come sta?

“Sta bene. Si è allenato da settimana scorsa con noi. Domani è disponibile. Spero possa rifarsi dopo diverse settimane fuori”.

Conferenza_Mancini

L’Inter nei finali di partite ha perso 14 punti, perchè?

“Non credo sia mancanza ci concentrazione. Forse la pressione, dopo che abbiamo perso tanti punti in casa. Ci siamo abbassati troppo in molti finali di partita e abbiamo dato troppe chance”.

Si riparla di Yaya Tourè, ti piacerebbe portarlo all’Inter anche quest’anno?

“E’ prematuro parlare di mercato. Ora dobbiamo pensare all’ultimo mese e mezzo di stagione. Poi verrà il mercato”.

Sei preoccupato per la costruzione della prossima squadra, se va via qualche big?

“Penso si possa costruire una squadra anche se andrà via qualcuno. Ci vorrà tempo per ricostruire, anche un po’ più del previsto stiamo facendo bene. A volte bisogna avere pazienza, anche se nel calcio se ne ha poca”.

Domani Medel in difesa o confermato Jesus?

“Abbiamo queste due opzioni, siamo contati. Medel ha avuto la febbre, vediamo oggi come sta”

Vuole fare chiarezza sul suo futuro?

“Un allenatore è legato molto ai risultati. Sarà importante finire bene. Ho ancora un altro anno di contratto.”.

Un voto alla stagione?

Basso, ma non per i giocatori, per me, perchè abbiamo iniziato bene ma dovevamo fare di più”

Se arrivassero offerte dall’Inghilterra?

Non ci sono offerte. In Italia si sta bene, dovremmo migliorare un po’ il calcio e si starebbe anche meglio”

Nagatomo all’inizio in panchina, ora spesso titolare, cos’è cambiato?

“Eravamo tanti, ma non era sempre in panchina, li alternavamo. Ora si è guadagnato il posto da titolare”.