GdS - Felipe Melo (1/2): "La mia forza è la voglia di vincere. Non sono cattivo, soltanto determinato. A Napoli..."

GdS – Felipe Melo (1/2): “La mia forza è la voglia di vincere. Non sono cattivo, soltanto determinato. A Napoli…”


Sarà con tutta probabilità uno dei protagonisti del match di lunedì contro il Napoli, fino ad ora è stato una pedina preziosa per Roberto Mancini, oggi lo intervista La Gazzetta dello Sport.
Felipe Melo è così, o bianco o nero, ma mai banale e soprattutto sincero e diretto.

La rosea inizia subito calcando la mano sulla sua nomea da cattivo:

Felipe che cos’è la cattiveria?
Ce ne sono due tipi: quella dell’anima che ti porta a far del male, che io non conosco ed un’altra che ti permette di insistere, di arrivare, di farcela. Questa è la mia vita. Ad esempio a 13 anni mi svegliavo alle 4 di mattina per prendere l’autobus. Vedevo gli altri ragazzi che uscivano dalla discoteca mentre io dovevo andare prima a scuola poi ad allenarmi. C’erano 2-3 ore di macchina: mio padre doveva fare il doppio lavoro, mia madre preparava il pranzo che prima mangiavo io, poi facevo mangiare mio padre mentre lui guidava. Questa è la mia cattiveria: insistere ed alla fine emergere.

La Gazzetta insiste imperterrita Mai entrato per rompere un avversario?
Mai. E’ storia. Non lo faccio per principio, anch’io ho le gambe.

Il quotidiano sportivo milanese non molla la presa e insiste su questioni personali recenti e passate.
Ma Felipe Melo non ci casca e ribatte colpo su colpo. Anche quando gli viene chiesto di Diego Lopez in un lontano Fiorentina-Cagliari, il numero 83 nerazzurro spiega che in quell’occasione al termine della partita lui fu l’ultimo ad uscire ma Lopez lo stava aspettando appositamente sotto il tunnel e lì lo insultò e insultò la moglie che all’epoca era incinta, così lo colpì. Ma la situazione era ben diversa dal normale.
Il brasiliano ammette che ciò che lo fa più arrabbiare è chi non lotta per arrivare ma si limita a dire che la vita fa schifo. In realtà non c’è mai un motivo valido per lamentarsi perché c’è sempre nel mondo chi sta peggio di te e soprattutto la vita ti da sempre un’opportunità. A lui la vita ha dato più di quanto si aspettasse.

Finalmente si torna poi ha parlare di calcio e ovviamente del big match:

Quante possibilità ha l’Inter a Napoli?
Una è seconda e l’altra è prima.

A chi dice che l’Inter gioca un brutto calcio cosa risponde?
Non mi incazzo nemmeno più. Una volta in Turchia ci dissero che non avevamo battuto il Fenerbahce e come risultato finale fu che vincemmo il campionato in casa loro e festeggiammo con le luci spente ed i nostri tifosi fuori dallo stadio. Questo è per ribadire che non mi interessa ciò che viene detto.

ULTIME NOTIZIE

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl