Icardi, cucchiaio e modernità