I giocatori prima del modulo

I giocatori prima del modulo


Roberto Mancini, come tutti gli allenatori, ha un proprio credo calcistico fidato e collaudato.

Il suo è il 4-2-3-1. Difesa a quattro con i terzini pronti ed abili a fare la doppia fase, due mastini a centrocampo con capacità di far ripartire l’azione, 3 mezze punte disposte anche a retrocedere durante la fase di non possesso ed una punta che giochi per la squadra e che sia un cecchino davanti alla porta.
Sia in Inghilterra nel “suo” Manchester City, sia in Turchia, il Mancio ha trovato soddisfazioni e trofei con questo modulo ed ha provato a portarlo anche in casa Inter.

L’ultima volta è stata domenica nella gara contro la Fiorentina, ma senza un avere un buon riscontro e soprattutto un buon esito.
Contro i viola si è partiti con il 4-3-1-2, poi durante la gara Mancini ha provato a passare al suo 4-2-3-1 con magri risultati e soprattutto mettendo fuori ruolo anche Brozovic.
Già, la bravura del tecnico di Jesi deve essere proprio questa.
A differenza di altri, non deve insistere e perseverare in un modulo non adatto alla rosa che ha a disposizione.
Nei nerazzurri non ci sono terzini in grado di reggere quel tipo di lavoro, c’è un solo mastino, anche se spesso riesce a sdoppiarsi se non a triplicarsi, ci sono molte mezze ali e seconde punte e nessun regista.
Soprattutto i calciatori non devono trovarsi troppo spesso fuori ruolo.

Per questo Mancini, che ha come missione principale per questa stagione, quello di riportare una mentalità vincente, fiducia e tranquillità nei giocatori ed un gioco offensivo e tecnico nella squadra, dovrebbe continuare a cercare di far esprimere al meglio la sua rosa, insistendo sul più sicuro 4-3-1-2 ed azzardando il 4-3-3. Questi moduli permettono a Medel di esaltare le sue qualità di intercettore, a Guarin di impostare e proporsi con i suoi inserimenti, a Brozovic di poter, senza ansia, recuperare palloni ed aprire spazi, e a Shaqiri di far valere la sua tecnica e la sua imprevedibilità ed a tutti gli altri elementi di sentirsi maggiormente sicuri e coinvolti nella manovra.

Oltre a ciò ed è forse una delle cose più importanti, questi moduli possono garantire spazio a giocatori poco utilizzati e vogliosi di rivalsa come Hernanes e potrebbero far riemergere Podolski, soprattutto se utilizzato come seconda punta, ed ovviamente Kovacic.

In particolar modo il Maghetto di Linz va recuperato e valorizzato, permettendo di capire ad allenatore e società, quanto effettivamente il piccolo croato valga e se sia il caso di considerarlo una pedina imprescindibile nell’Inter che verrà.
Per tornare al modulo amato dal Mancio ci sarà modo e tempo, magari regalando al tecnico quelle pedine che chiede e che farebbero la differenza.




Loading...

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl