Icardi non è Vieri, Kovacic non è Stankovic: Mancini, c'è da lavorare