Kovacic: “Non sono abituato a stare in panchina. A Mazzarri piace un gioco più difensivo, ma io…”

Mateo Kovacic
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Dal ritiro della Croazia, Mateo Kovacic, convocato dal commissario tecnico Niko Kovac per l’amichevole in programma mercoledì contro la Svizzera, ha parlato del momento particolare che sta attraversando in nerazzurro: “Anche se in questo periodo non sto giocando molto, mi sento bene – ha dichiarato ai microfoni di Gol.hr. Non mi aspettavo una situazione del genere, con Stramaccioni giocavo, mentre adesso sono spesso in panchina. Ma sono pronto a ogni sfida e voglio lavorare bene per preparare il Mondiale”.

Speri che giocare con la Croazia possa contribuire a migliorare la tua situazione nell’Inter?

“Sì, se gioco una buona partita con la mia nazionale, potrei avere qualche occasione in più nell’Inter. Certo, non può bastare una partita per cambiare radicalmente le cose, ma potrebbe essermi utile”.

Mazzarri in diverse occasioni ha criticato il tuo modo di giocare…

“Non spetta a me commentare le decisioni del mister. Sicuramente lui preferisce uno stile di gioco più difensivo, mentre a me piace di più il calcio d’attacco. Devo abituarmi, non ho altra scelta, ma mi serve un po’ di tempo. Non sono abituato a stare in panchina, ma penso che presto cambieranno le cose”. 

Il nuovo arrivato Hernanes sarà tuo avversario nel match di apertura del prossimo Mondiale. Avete parlato di questa partita?

“No, Hernanes non è uno che parla molto. Non abbiamo discusso della sfida tra Croazia e Brasile. Posso dire però che lui è il rinforzo giusto per noi, è un top player”.