Messi-Barcellona: avanti insieme fino al 2018. Adeguamento e clausola rescissoria record

Messi-Barcellona: avanti insieme fino al 2018. Adeguamento e clausola rescissoria record

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Lionel Messi giura amore al Barcellona fino al 2018. E’ in arrivo un altro regalo per i tifosi del club catalano che, dopo il rinnovo di Andres Iniesta, potranno festeggiare anche il prolungamento di contratto della Pulce. L’accordo è scaturito durante un incontro tra i dirigenti spagnoli e gli avvocati dell’argentino, avvenuto dopo il brutto botta e risposta tra Faus, vicepresidente del club, e l’attaccante originario di Rosario.

E’ proprio vero, a Natale si è tutti più buoni. Così Sandro Rosell ha deciso di accontentare il suo gioiello e di concedergli un ulteriore adeguamento di contratto (si parla di una cifra vicina ai 20 milioni di euro) oltre al prolungamento fino al 2018. Come riporta il quotidiano spagnolo As, il presidente del Barcellona ha voluto placare le polemiche scoppiate il mese scorso che hanno visto protagonisti Faus, vicepresidente del club, e il campione argentino. Il primo, ha dichiarato: “Non c’è bisogno di un ulteriore adeguamento, Messi guadagna già tanto”, e non si è fatta certo attendere la risposta piccata del secondo: “Faus non capisce niente di calcio”.

Un primo incontro tra la dirigenza blaugrana e gli avvocati del numero dieci argentino c’è già stato, non è da escludere che al prossimo summit possa arrivare la firma che lo legherà per altri quattro anni al club che lo ha lanciato nel grande calcio europeo. Le prime indiscrezioni parlano di una clausola rescissoria che si aggira intorno ai 250 milioni atta a blindare definitivamente il giocatore.

 

Fonte: Sportmediaset

 

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy