Sei qui: Home » News Inter » Rolando: “Non mi aspettavo la chiamata dell’Inter, che soddisfazione! Nella difesa a tre…”

Rolando: “Non mi aspettavo la chiamata dell’Inter, che soddisfazione! Nella difesa a tre…”

Rolando conferenza“I compagni mi chiedevano sempre ‘Come ti chiami?’ e io rispondevo ‘Rolando’ e loro mi chiedevano ancora ‘Ma non c’è un nome?’ e io gli rispondevo, ‘Rolando‘. Ora ho detto di chiamarmi ‘Roli’ che è più breve e più veloce da pronunciare”.

Il difensore portoghese racconta con un sorriso uno scambio di battute avuto con i suoi compagni al suo arrivo all’Inter durante la puntata odierna di “InterNOS”, in onda su Inter Channel, prima di spiegare le sue emozioni quando ha saputo dell’interessamento dell’Inter: E’ stata un’enorme soddisfazione perchè questo è un grandissimo club. Sono stato felicissimo. Non è che non ci credevo, perchè credo di avere i valori giusti per essere qui, ma in quel momento non me l’aspettavo, sinceramente”.

Parlando del ruolo che preferisce in campo, Rolando spiega: “Adesso sto imparando perchè in Portogallo giocavo nella difesa a quattro. Adesso dovrei aspettare un po’ per dire quello che preferisco, ma ho giocato in tutte le posizione della difesa, a destra, centrale o a sinistra. In generale posso dire che sono destro, adesso sto giocando a destra e sto imparando al 90%. Quando sono arrivato mi allenavo a sinistra, a Napoli giocavo al centro”.

Quella contro l’Atalanta è stata la prima volta in partita al fianco di Walter Samuel: “Ha tanta esperienza, è un giocatore importante e si può dire che è più semplice giocare avendo al fianco un calciatore come Walter. Ti dà sempre una mano quando hai bisogno, purtroppo non abbiamo vinto, ma con lui mi sono trovato molto bene a giocare”. Su Javier Zanetti: “Che dire, lui è il Capitano, ma è una persona normalissima perchè è molto tranquillo e scherza sempre con tutti.

Si parla anche del suo primo gol i nerazzurro, relizzato contro l’Hellas Verona: “L’ultimo gol l’avevo realizzato quasi due anni fa, al Porto dove non giocavo non perchè non avessi qualità ma per altre cose. Arrivare all’Inter e fare un gol mi ha fatto ripercorrere gli ultimi anni in pochi secondi. Spero di farne di più, ma non tanti di più perchè sono un difensore (ndr, sorride)“.

 

LEGGI ANCHE:  Inter, Dumfries: "Non pensavo di riuscirci", poi il retroscena su De Vrij

Fonte: inter.it