Zenga: “Penso che Moratti resterà la figura di riferimento. Il mio più grande rammarico è…”

Walter Zenga
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Walter Zenga su MorattiTra i numerosissimi commenti sulla figura di Massimo Moratti, ecco arrivare anche le dichiarazioni di stima e affetto da parte di un altro “numero uno” per eccellenza nella storia della Beneamata.

Walter Zenga, miglior portiere al mondo per tre anni consecutivi (dal 1989 al 1991) durante i dodici anni a difesa della porta dei nerazzurri, ha analizzato l’attuale addio del patron interista ai microfoni di Radio Sportiva: “Io personalmente credo che, nonostante il passaggio di consegne ad Erick Thohir, Moratti continuerà a fare il presidente dell’Inter ancora per diversi anni. Vero che i tempi cambiano e ci si guarda intorno per capire come investire per il meglio e, a tal proposito, la cordata indonesiana rappresenta un toccasana per le casse nerazzurre ma, nonostante il 30% di quote, penso che la figura di riferimento all’interno del club rimanga sempre quella di Massimo Moratti”.

Non manca, però, un po’ di amarezza per quella chiamata che non è mai arrivata: “Con il presidente ho parlato più volte. Gli ho sempre detto che il mio più grande rammarico è che la mia Inter non sia mai stata la sua Inter. Io ho sempre sognato di allenarla durante la sua presidenza. E’ un peccato perché, a parte i grandi manager passati su quella panchina (Mancini e Mourinho, ndr), penso che tra i vari Gasperini, Stramaccioni e qualche altro ci potevo tranquillamente stare anche io”.

Anche se le strade tra Massimo Moratti e Walter Zenga non si sono mai incrociate, in queste parole si denota un grande comune denominatore: il grande amore per l’Inter ed i colori di una vita.