Campagnaro: “Sono contento di essere qui. Stiamo lavorando tanto e ci serve tempo per…”

Hugo Campagnaro allenamento Inter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Hugo Campagnaro allenamento InterCon Hugo Campagnaro, ai microfoni di Mediaset, si inizia parlando dell’incontro che il giocatore ha avuto con Papa Francesco in occasione della gara amichevole disputata lo scorso mercoledì tra Argentina e Italia: “E’ stato molto emozionante, un’esperienza indimenticabile, tra l’altro è argentino, vederlo lì davanti a noi è stato bellissimo”.

Si parla poi di Inter e di come il difensore argentino abbia vissuto il suo primo mese in nerazzurro: “L’ho vissuto molto bene, stiamo lavorando tanto e questo è quello che conta in preparazione. Adesso inizieranno le partite ufficiali ed è lì che dobbiamo dare il massimo. Ci serve ancora tempo, questo è un gruppo nuovo e serve ancora tempo per mettere in pratica tutte le idee del mister. Però, anche nelle partite che abbiamo perso – tranne in quella contro il Valencia – abbiamo fatto molto bene”.

Sulle cose da migliorare nel reparto del quale lui stesso è interprete in campo: “Dobbiamo migliorare, in difesa se sbagli anche qualcosina la paghi sempre. Adesso bisogna fare bene in fretta”.

Walter Mazzarri ha detto che non si è pentito di aver lasciato il Napoli e scelto l’Inter. Anche Campagnaro la pensa nello stesso modo: “Sicuramente non sono pentito, sono contento della mia scelta. Ho visto che ha il Napoli sta costruendo una buona squadra, ha preso dei buoni giocatori e sono contento per loro, ma io penso solo all’Inter. E’ troppo presto per dire chi vincerà lo scudetto e è presto per dire chi vince lo scudetto è presto anche per parlare di quali siano gli obiettivi dell’Inter. Zanetti quando tornerà? Conoscendo la sua forza, anche psicologica, credo ci vorrà ancora meno del tempo necessario.

Nessun disturbo arriva alla squadra in merito a scenari societari intorno al nome di Erick Thohir: “Noi non parliamo neanche di queste cose, le cose che ci riguardano hanno a che vedere con il nostro lavoro e con il fatto di capire e mettere in pratica quello che vuole il nostro allenatore”.

 

 

 

Fonte: inter.it