Segnali di risveglio da parte di Icardi. L’argentino comincia a carburare

Amburgo vs Inter Mauro Icardi
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Amburgo vs Inter Mauro IcardiUna delle poche note positive in casa Inter dopo la pesante sconfitta con il Real Madrid di Carlo Ancelotti è sicuramente la prestazione di Mauro Icardi.

L’attaccante argentino è entrato al 65’ al posto di Rodrigo Palacio e, a partita ormai compromessa, e si è dimostrato di gran lunga l’elemento più pericoloso del reparto offensivo nerazzurro. Dopo due minuti dal suo ingresso in campo, Maurito vede il Real Madrid portarsi sul 3-0 per l’autogol di Ricky Alvarez, ma non si perde d’animo e crea più di un problema alla difesa degli spagnoli.

Al 75’ colpisce di testa in torsione su un calcio d’angolo e solo l’intervento provvidenziale di un difensore gli nega la gioia del gol. Quattro minuti più tardi Mazzarri ammira una giocata da grande prima punta: Icardi anticipa il suo marcatore su un cross tagliato di Yuto Nagatomo e gira in porta: questa volta è la traversa a salvare i Blancos.

Gli ottimi spunti di Maurito segnalano la crescita costante dell’ex Sampdoria, che migliora di giorno in giorno la sua condizione e si sta integrando negli schemi offensivi del tecnico toscano. In attesa di riavere Milito, l’apporto di Icardi sarà decisivo per la stagione nerazzurra: salvo sorprese dal mercato, infatti, l’argentino e Belfodil si giocheranno una maglia da titolare, e uno dei due potrebbe essere relegato in panchina per molto tempo, vista la poca simpatia di Mazzarri per il turn-over.

Come ammesso dallo stesso giocatore a fine match, l’Inter avrebbe dovuto essere più concreta, realizzando almeno una rete, visti i pericoli creati. Proprio il killer instinct è uno degli aspetti che Icardi dovrà migliorare per essere il re dell’attacco nerazzurro e trascinare l’Inter in alto in classifica, aspettando il ritorno del Principe.