Il pagellone nerazzurro 2012/2013: Milito, voto 6.5

Milito Juventus-Inter esultanza
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

pagellone nerazzurro Milito Juventus-Inter esultanzaDopo aver analizzato l’operato di portieri, difensori e centrocampisti, il pagellone nerazzurro 2012/13 confezionato da SpazioInter.it, riparte con l’analisi del rendimento degli attaccanti a disposizione di Andrea Stramaccioni. Inevitabile cominciare da Diego Alberto Milito, che ha segnato indelebilmente la memoria dei tifosi interisti firmando i trionfi degli anni scorsi a suon di gol.

Milito, voto 6.5

Nell’ultima stagione Milito parte forte, continuando quel filotto di gol che solo l’estate aveva interrotto. Infatti, l’attaccante argentino, nell’anno solare 2012, risulterà il giocatore con più reti all’attivo in Serie A (28) davanti a Edinson Cavani (27) e Antonio Di Natale (23). Diego giustizia in rapida successione Pescara, Bologna, Sampdoria, Juventus, Napoli e Chievo Verona, totalizzando in tutto 9 gol in 20 presenze prima di quel maledetto 14 febbraio. Nella partita contro il Cluj valida per l’andata dei sedicesimi di Europa League, il Principe si infortuna al 7′ accusando una lesione del legamento collaterale, del legamento crociato anteriore e della capsula del ginocchio sinistro.

Stramaccioni era stato in grado di creare la giusta armonia tra lui, Palacio e Cassano, per un tridente che per un certo periodo aveva fatto sognare i tifosi nerazzurri. Poi il crac al ginocchio ha rovinato i progetti di gloria. Si temeva che questo grave infortunio potesse chiudere anzitempo la carriera di Milito, ma la storia tra lui e l’Inter non poteva certo finire con l’immagine del numero 22 nerazzurro sul manto di San Siro con le gambe raccolte al petto per il dolore.

Adesso Diego sta cercando di accelerare i tempi per tornare a lavorare con il gruppo già dall’inizio della nuova stagione. Molto probabilmente, per lui sarà l’ultima con la maglia della Beneamata, ma il suo contributo per far crescere due giovani come Icardi e Belfodil, sarà certamente fondamentale.