BOOM! Paulinho: “Anche senza coppe, chi non vorrebbe giocare nell’Inter? Mi basta il fatto che…”

Paulinho
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

PaulinhoIl tormentone Paulinho potrebbe finire quando ormai nessuno ci sperava più. Dopo più di un anno dall’inizio dell’interessamento nerazzurro per il centrocampista del Corinthians, infatti, i tifosi si erano rassegnati a vederlo restare in Brasile, o sbarcare in Europa ma per giocare con la maglia del club di un emiro, magari il Psg come il suo amico Lucas. Invece, dopo l’amichevole di domenica giocata per inaugurare il Maracanà fresco di ristrutturazione, Paulinho, come riporta La Gazzetta dello Sport, ha rilasciato dichiarazioni importanti, aprendo all’Inter e ad un’avventura in Italia.

E’ appena finita una partita ricca di emozioni: 2-2 tra il Brasile di Felipao Scolari e l’Inghilterra di Hodgson. Paulinho, andato a segno nel finale regalando il pareggio alla seleçao, si ferma in zona mista e risponde a qualche domanda dei giornalisti. Subito gli chiedono dell’Inter e lui, per la prima volta, appare deciso: “L’Inter è un club conosciuto in tutto il mondo. Ci hanno giocato Ronaldo, poi Maicon, Lucio, Julio Cesar. Chi non vorrebbe indossare quella maglia?” le sue parole, riportate dalla rosea di oggi.

Chi deve intendere intenda insomma, Branca è avvisato. E le parole di Paulinho non si fermano qui. Poco dopo arriva una indicazione fondamentale, che, per la sua concretezza, spinge a guardare oltre la semplice dichiarazione di affetto di un brasiliano per l’Inter: “Non è un problema se i nerazzurri la prossima stagione non giocheranno la Champions. Ci sarà tanta voglia di rivincita, mi basta questo.”

Insomma Paulinho sembra davvero allettato dalla prospettiva di sbarcare in Italia. Dopotutto un grande giocatore sudamericano non può non misurarsi con il calcio del vecchio continente se vuole entrare nella storia di questo sport. Ci aveva provato Neymar, ma alla fine anche lui, presentato proprio ieri a Barcellona, ha ceduto. Dopo lui e Lucas, Paulinho rimarrebbe l’unico talento verdeoro della nuova generazione, insieme al desaparecido Ganso, a non attraversare l’oceano pur di rimanere in Brasile.

La volontà del giocatore è chiara, ma questo non basta. Servirà, e lo dice proprio Paulinho nella stessa intervista, “un’offerta giusta” per convincere il Corinthians a far partire il suo pupillo e soprattutto il centrocampista a cambiare continente. L’Inter non dispone ancora della disponibilità economica necessaria per chiudere l’affare. Serviranno i soldi di Thohir, al quale però Moratti non ha ancora dato una risposta definitiva. Se il magnate indonesiano acquistasse delle quote della società, allora Branca e Ausilio potrebbero dare il via alla missione per portare il centrocampista della seleçao a Mazzarri.

Attenzione però, l’Inter non è l’unica squadra interessata a Paulinho. Per portarlo a Milano i nerazzurri dovranno battere la concorrenza di Psg e Shakhtar Donetsk, due club economicamente insuperabili. Gli uomini di Moratti hanno però un asso nella manica: il desiderio del giocatore di sbarcare nel club più sudamericano d’Italia. In fondo, dopo tanta attesa, senza accorgersene si è arrivati sulla linea del traguardo: ora basta poco, l’offerta giusta e Paulinho sarà nerazzurro.