Palermo-Inter 4-3, le pagelle

Palermo-Inter 4-3, le pagelle

Julio Cesar 4,5 - Incolpevole sui primi 2 gol. Irriconoscibile sugli ultimi due. Non è più lui: lo si era già capito dalla scorsa stagione e dal prologo di questa a Pechino.

Lucio 5 - Essere uno dei migliori difensori degli ultimi vent'anni non basta per adattarsi a un ruolo nuovo a fine carriera. Palesemente spaesato e spesso in ritardo. Vedi secondo gol.

Samuel 5 - Si fa troppo spesso tentare dal pallone a centrocampo, lasciando sguarnito il proprio reparto.

Zanetti 6,5 - Primo tempo perfetto per il più grande trasformista del calcio moderno. Il gol di Hernandez arriva dalla sua zona mentre lui era fuori posizione.

Cambiasso 5,5 - E’ l’unico mediano in campo, ma finisce per giocare da incursore. Carente in fase di impostazione. (Alvarez 5 - Viene inserito per dare qualità, perde la palla che Silvestre trasforma nella punizione poi realizzata da Miccoli.)

Stankovic 6 - Arruffone ma onnipresente. Se deve essere un trentatreenne a dare dinamismo, diventa difficile andare lontano.

Jonathan 6,5 - Un Maicon in scala ridotta. Corre, lotta, dribbla, crossa come lui. Sbaglia le diagonali come lui.

Nagatomo 5,5 - Gli errori sono pochi. Le giocate degne di nota ancora meno. Impalpabile. (Obi 6,5 - Mezzo voto in meno solo perché non finalizza la splendida cavalcata che poteva portare al vantaggio. Nettamente il migliore in campo dei nerazzurri. Da confermare)

Zarate 4 - Gioca uno sport che evidentemente non è il calcio. Tanto è vero che la sua partita dura solo mezz’ora. (Sneijder 6 - L’ottima partita di un giocatore qualsiasi è la sua ordinaria amministrazione. Ma l’Inter non può privarsene.)

Forlan 6 - Sballottato a destra e sinistra, incide meno di quanto potrebbe ma attira su di sé avversari su avversari. E a fine partita trova il gol che regala tre minuti di vana speranza.

Milito 6,5 - Prestazione a metà tra quelle pessime della scorsa stagione e quelle strabilianti di due anni fa. Doppietta e un gol negatogli dalla mano di Migliaccio. Servito poco e male, sembra comunque in crescita.

All.Gasperini 4 - Sulla scelta di Zarate il miglior commento è la sua stessa sostituzione alla mezz’ora. Se a questo si aggiunge una fase difensiva disastrosa con a disposizione gli stessi uomini che solo 15 mesi fa erano i protagonisti della miglior difesa del mondo, il voto è presto spiegato. Portato a scuola da un debuttante.
Giovanni Cassese

 

Siamo su Google News: tutte le news sull' Inter CLICCA QUI

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram