Editoriale - C’è di che esser contenti anche se non del tutto