Inter, la fretta è una brutta avversaria