Ibrahimovic, il veggente predestinato