Marotta e il “metodo Inter”: il segreto della seconda stella

Per raggiungere la vetta, l’Inter ha messo in campo una ricetta perfetta, giornata dopo giornata. Degli ingredienti vincenti ha parlato il suo ad Beppe Marotta, che di vittorie se ne intende ormai parecchio.

Sono veramente poche le cose che all’Inter di quest’anno possono essere recriminate. O meglio: sul fronte Italia, pressoché nulla. Un campionato di Serie A, impeccabile come quello dei Nerazzurri, non lo si vede così spesso. E, a questo, non possono che esserci diversi meriti.

Per far funzionare alla perfezione gli ingranaggi di un club come l’Inter, è necessaria la perfetta sinergia di ogni singolo componente. A partire dalla squadra e dall’allenatore, passando per tutto lo staff e la dirigenza.

Fra gli autori dell’evoluzione nerazzurra degli ultimi anni, figura senza ombra di dubbio Beppe Marotta, l’amministratore delegato ormai avvezzo al vizio della vittoria. Proprio lui ha svelato cosa è riuscito a regalare la vittoria del titolo alla sua società.

Marotta: ecco il segreto dell’Inter

Che i Nerazzurri siano diventati un modello da emulare, è fatto ben noto. La società di viale della Liberazione è infatti riuscita a creare una squadra vincente e competitiva ai massimi livelli nonostante un mercato a basso costo.

Marotta e il "metodo Inter": il segreto della seconda stella
Dietro una squadra vincente, c’è una società vincente: ecco il segreto dell’Inter secondo Marotta -(LaPresse)- SpazioInter.it

Questo è stato possibile perché, a fare una squadra vincente, non concorrono soltanto i giocatori. Il fortunato “metodo Inter”, secondo Marotta, passa soprattutto attraverso una squadra forte alle spalle di quella che scende in campo. Dunque un impianto societario solido che crea e sostiene i ragazzi che scendono in campo.

Senza dubbio, dunque, l’Inter è vincente perché “dietro c’è una dirigenza molto importante”. Senza dimenticare il flusso di tifosi giunti allo stadio ogni weekend, anch’essi motore trainante di questa macchina trionfante.

Impostazioni privacy