Fredy Guarin, l'arma in più per il nuovo corso manciniano