Ausilio: "Serve tempo per giudicare il nostro lavoro. Seguiamo Jung e Quintero..."