Fantasia e umiltà, ecco il Catania di Montella