Inter, Moratti svela la verità su Zhang: l’ha detto in diretta

L’ex presidente dell’Inter, Moratti, dice la verità su Steven Zhang e la sua costante permanenza in Cina. Ecco perché non è a Milano.

Massimo Moratti, ex numero uno dell’Inter, ha svelato la verità sull’assenza di Zhang a Milano che si protrae dall’estate. Il presidente nerazzurro, infatti, non torna in Italia da molto tempo e anche stasera non assisterà dal vivo al derby contro il Milan, match che potrebbe regalare la vittoria dello scudetto. Un risultato che sarebbe storico per gli uomini di Inzaghi che, finora, hanno perso una sola volta in campionato in 32 gare disputate. Vincere la stracittadina e il tricolore contemporaneamente potrebbe scatenare grandi festeggiamenti a partire da questa sera.

Uno dei primi a gioire per questo traguardo sarà sicuramente l’ex presidente del club nerazzurro Moratti che un’intervista ha parlato del nuovo accordo con Pimco ritenendosi felice. Dopo ha elogiato Steven Zhang e tutta la società per il cammino fatto in questi anni. I complimenti per il raggiungimento della seconda stella sono stati accompagnati, però, da una rivelazione che probabilmente svelerebbe la verità sulla costante permanenza di Zhang in Cina.

Zhang e la permanenza in Cina: la verità svelata da Moratti

Massimo Moratti ha spiegato la verità sull’assenza di Zhang negli ultimi mesi. Come riferito a Radio 24, l’ex presidente dell’Inter avrebbe accolto bene la notizia dei nuovi accordi con Pimco e, senza volerlo, ha dato qualche spiegazione in più sul perché sia ancora in Cina. Ecco le sue dichiarazioni:

“Come accolgo questa notizia? Bene, perché non sai mai il nuovo come sia e Zhang mi sembra che abbia portato a casa un mucchio di ottimi risultati. Le presidenze si misurano dalle vittorie e lui mi sembra sia stato corretto nel lasciare lavorare i suoi. Poi che sia costretto a stare in Cina, e non possa venire in Italia, non è colpa sua“.

Moratti svela la verità su Zhang
Moratti rivela il perché dell’assenza di Zhang dall’Italia (LaPresse) SpazioInter

Stando alle parole di Moratti, Zhang sarebbe costretto a stare in Cina e, dunque, non per sua volontà. Di conseguenza il presidente nerazzurro non starebbe a Nanchino per il risanamento di Suning, come riportato da TuttoSport. La verità della sua permanenza in Cina potrebbe essere legata alla condanna del tribunale di Hong Kong che ha chiesto il risarcimento a China Construction Bank e altri creditori di 320 milioni.

Le parole di Moratti, però, potrebbero essere inerenti alle dichiarazioni fatte dai legali di Zhang che avevano annunciato delle anomalie contestando la logicità e conformità a diritto della sentenza. Ciò spiegherebbe la lontananza di Zhang da Milano.

Impostazioni privacy