“L’arbitro non l’aveva manco vista l’espulsione”, Graziano Cesari duro dopo Napoli-Inter

L’arbitraggio della finale di Supercoppa Italiana tra Napoli ed Inter ha destato qualche perplessità e polemica. L’analisi dura e accesa dell’ex arbitro e moviolista Graziano Cesari.

La prima edizione del nuovo format della Supercoppa Italiana si è conclusa con il successo di misura dell’Inter sul Napoli. Purtroppo però, anche in questa occasione c’è stata qualche polemica per l’arbitraggio dell’arbitro Rapuano.

Numerosi gli episodi dubbi e le scelte sbagliate dell’arbitro, che è stato fortemente criticato da Graziano Cesari.

Cesari sentenzia l’arbitraggio di Rapuano per Napoli-Inter

L’Inter ha conquistato la sua terza Supercoppa Italiana consecutiva questa sera, grazie al successo per 1-0 sul Napoli. I nerazzurri sono riusciti a far crollare il castello difensivo dei Campioni d’Italia in carica solamente al 91′ minuto, grazie alla zampata decisiva del capitano Lautaro Martinez. A far discutere è però l’arbitraggio di questa finale di Supercoppa, che ha scatenato diverse polemiche.

Cesari abbatte Rapuano per l'arbitraggio di Napoli-Inter
Giudizio severo di Graziano Cesari a Rapuano per l’arbitraggio di Napoli-Inter – LAPRESSE – Spaziointer.it

Su tutti, è soprattutto l’episodio dell’espulsione di Giovanni Simeone per doppia ammonizione a creare numerose polemiche. L’ex arbitro e moviolista di Mediaset, Graziano Cesari, ha analizzato l’arbitraggio di Rapuano in questa finale: “Nel secondo tempo c’è stato un cambio nel metro dell’arbitraggio di Rapuano. L’espulsione di Simeone è stata suggerita dal quarto uomo, visto che Rapuano non aveva neanche visto che era stato l’argentino ad aver commesso fallo. La gestione dei cartellini non mi è piaciuta per niente”. 

Cesari si è poi espresso sull’abbandono prematuro del campo da parte di Mazzarri, dovuto alle dubbie decisioni arbitrali: “Mazzarri è uscito dal campo prematuramente a causa dell’arbitraggio. Più precisamente, l’allenatore del Napoli si è lamentato per la gestione dei cartellini, soprattutto per quanto riguarda Calhanoglu. L’interista è stato ammonito solamente al terzo fallo commesso, e forse sul fallo meno evidente dei tre effettuati. Dal punto di vista disciplinare l’arbitro non c’è stato proprio. Per quanto riguarda l’ammonizione di Barella, tocca nettamente la palla prima, il fallo non c’era. Poi però l’ha ammonito per proteste”. Infine Cesari ha sentenziato duramente l’arbitraggio di Rapuano, infliggendogli un voto negativo: “Gli arbitri non si rendono conto del livello a cui stanno arbitrando. Rapuano era alla sua prima finale, e non è stato all’altezza della finale di Supercoppa. Per me è bocciato, 4 in pagella”.

Impostazioni privacy