Inter, rivoluzione in difesa: gli obiettivi per giugno

Una sessione di calciomercato incolore per l’Inter.

Nel mese di gennaio l’unica vicenda ad aver tenuto banco riguarda l’addio di Milan Skriniar. Qualora il PSG si fosse avvicinato alla richiesta del club nerazzurro pari a 20 milioni, lo slovacco sarebbe presumibilmente partito senza aspettare l’estate.

In tal caso, sarebbe stato necessario un colpo per la retroguardia: negli ultimi giorni aveva preso quota l’ipotesi Demiral con la formula del prestito con diritto di riscatto, declinata dall’Atalanta che avrebbe accettato solamente la cessione a titolo definitivo.

Rimangono quindi numerosi punti interrogativi su quella che sarà la difesa di Inzaghi per la prossima stagione.

Calciomercato Inter difesa

Inter, poche certezze in difesa per il prossimo anno: due centrali nel mirino

Come riporta Il Corriere dello Sport, le uniche certezze nel reparto arretrato nerazzurro sono rappresentate da Matteo Darmian e Alessandro Bastoni.

Assieme alla partenza certa di Skriniar, nella prossima annata D’Ambrosio, De Vrij e Acerbi potrebbero infatti lasciare Milano: per i primi due il contratto scade il prossimo giugno mentre per il numero 15 terminerà il prestito dalla Lazio.

Per questo motivo la società vuole intervenire al più presto sul mercato: sul piatto ci sono due nomi nel mirino già da qualche settimana: Benjamin Pavard e Tiago Djalò.

L’obiettivo primario è il francese, nato terzino ma in grado di ricoprire il ruolo di braccetto nella difesa a tre. Il 27enne non è intenzionato a prolungare il contratto in scadenza nel 2024 e l’arrivo di Cancelo in terra bavarese potrebbe oscurarlo ulteriormente.

Anche il portoghese del Lilla è un profilo interessante per Marotta.

Non è da escludere l’ipotesi che l’Inter li acquisti in coppia per dare vita alla “rivoluzione difensiva”.

Francesco Flaùto