Sei qui: Home » News Inter » Inter, l’affare Lukaku costa caro: la cifra spesa fino ad ora per il ritorno del belga

Inter, l’affare Lukaku costa caro: la cifra spesa fino ad ora per il ritorno del belga

Il grande assente nel Derby d’Italia, in programma per domenica sera, sarà Romelu Lukaku. L’attaccante belga ha subito una ricaduta dell’infortunio al flessore della coscia sinistra prima di Bayern Monaco-Inter e rimarrà ai box per almeno due settimane.

Considerando il Mondiale incombente, il 2022 nerazzurro di Big Rom può dichiararsi concluso. Nessuno si sarebbe aspettato una situazione del genere, alla luce dei pochi infortuni che hanno costellato la carriera dell’ex Chelsea. Molto probabilmente, Lukaku sta ancora pagando la stagione passata in panchina con la maglia dei Blues.

I numeri e i costi del Lukaku-bis

Inzaghi ha potuto usufruire del suo principale terminale offensivo per soli 249 minuti sparsi in 4 presenze. Il belga ha collezionato un gol e un assist, troppo poco considerando ciò che l’Inter ha speso per riportarlo in Italia.

Romelu Lukaku – Inter

La società meneghina, secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, ha già sborsato 12 milioni per l’attaccante tra costo del prestito e stipendio. 46.875 euro è la cifra al minuto esatta che dà un’idea dei problemi fisici gravi occorsi a Lukaku.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Inter, occasione dalla Roma: il giocatore ha già detto sì

Il belga ha dimostrato di voler fortemente tornare all’Inter, anche per rimettersi in forma in vista del Mondiale. L’appuntamento in Qatar è ormai al centro dei suoi pensieri, tanto che si è già spostato in Belgio per valutare l’entità dell’infortunio con lo staff medico della Nazionale.

Le riflessioni della società sul futuro di Lukaku

I nerazzurri si aspettano un’inversione di tendenza a partire dalle prime sfide di campionato che si disputeranno a gennaio. L’attaccante dovrà, infatti, convincere la società nerazzurra a prolungare di un anno il prestito dal Chelsea, che costerebbe non meno di 10 milioni.

In questi mesi la dirigenza nerazzurra valuterà la bontà dell’operazione. Nessuno mette in dubbio le qualità del belga, ma il suo strapotere fisico può incidere in Serie A solo se accompagnato da una forma fisica ottimale.

FEDERICO LUIGI DI MINGO