Vigorelli: “Scambio Nainggolan-Zaniolo? Giusto, l’Inter doveva fare quel tipo di operazione”

zaniolo-radja
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

VIGORELLI, IL PROCURATORE DEL PUPILLO DELLA ROMA, COMMENTA LA TRATTATIVA NAINGGOLAN-ZANIOLO

Era l’estate del 2018, era un altro calciomercato, c’erano altre dinamiche. Dinamiche che portano spesso a concludere operazioni di mercato clamorose, come quella tra l’Inter e la Roma. La società milanese voleva accontentare l’allora tecnico Luciano Spalletti, e gli portò in squadra il suo beniamino: Radja Nainggolan. Alla Roma, invece, arrivarono un Davide Santon in cerca di riscatto ed un semi-sconosciuto Nicolò Zaniolo, da poco laureato campione d’Italia con la Primavera nerazzurra. Le aspettative, ingenti per il Ninja, modeste per il talentino ex Inter, non hanno rispecchiato una realtà che ancora oggi ci stupisce. Sì, perché il belga è oggigiorno un’incognita della rosa milanese, mentre Zaniolo è diventato un pilastro degli uomini di Fonseca.

Claudio Vigorelli, ai microfoni di Radio Radio, commenta così quella trattativa Secondo me in quel momento l’Inter doveva fare un certo tipo di operazione di mercato, era una precisa dinamica. Nella negoziazione sono entrati due giocatori, Santon e Zaniolo. Difficile dare la colpa a qualcuno. In quel momento bisognava essere all’interno delle trattative per capirle.”