Pedullà: "La baraonda Barcellona ha condizionato Lautaro e l'Inter"

Pedullà: “Il caos Barcellona ha condizionato Lautaro e l’Inter”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Che il Barcellona fosse interessato ad acquistare Lautaro Martinez ormai non è più un segreto. Però l’affare per svariati e ignoti motivi non si è concretizzato lasciando così ai nerazzurri margine per il rinnovo con il Toro. Alfredo Pedullà ha ricostruito le fasi salienti della trattativa con un articolo su La Gazzetta dello Sport.

LAUTARO CONDIZIONATO DALLA SITUAZIONE IN CASA BARCELLONA

Doveva essere l’affare dell’estate, ma alla fine sembra che il tutto si risolverò con un nulla di fatto. Il tutto era iniziato già a gennaio, con il primo sondaggio del Barcellona e l’offerta di 12 milioni all’anno per il calciatore. Poi però l’Inter ha fatto la voce grande, sentenziando in diretta tv che il giocatore non si muoverà da Milano a meno che non venga pagata la clausola rescissoria.

Poi il covid ha complicato tutto, ma secondo il giornalista, la vera motivazione del mancato arrivo del Toro a Barcellona è un’altra. Pedullà infatti è sicuro: “La baraonda Barcellona ha un po’ condizionato i rapporti tra gli agenti di Lautaro e l’Inter.
Gli agenti si aspettavano di essere convocati prima di marzo, l’Inter confidava di non essere bypassata troppo nei discorsi con i blaugrana, come se fosse l’ultima ruota del carro. E così c’è stata un po’ di freddezza, normale in queste vicende di mercato che mettono Bartomeu in cima alla lista dei colpevoli“.

Alla fine del calciomercato però mancano ancora diverse settimane, e se a Barcellona dovessero rivedere le cose, non è escluso che si possa provare nuovamente per Lautaro. Tuttavia se così non dovesse essere in Viale Liberazione si potrà discutere con maggiore tranquillità per il rinnovo.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy