Inter, senti Scaroni: "In primavera i lavori per il nuovo stadio di Milano"

Inter, senti Scaroni: “In primavera i lavori per il nuovo stadio di Milano”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo mesi di trattative potrebbe essere arrivato l’accordo trilaterale tra Inter, Milan e Comune di Milano per la costruzione del nuovo stadio della città, chiamato a sostituire il tanto amato San Siro. A confermare quanto emerso nei giorni scorsi è stato il numero uno rossonero Paolo Scaroni, intervistato in occasione di un evento di Fondazione Milan. E c’è l’ipotesi di iniziare i lavori già a partire dalla prossima primavera.

CONFERME IMPORTANTI

Volevamo mettere la parola fine a questa lunga negoziazione e abbiamo fatto un sacrificio importante (in riferimento alle volumetrie n.d.r.). Io sono ottimista perché c’è un progetto che abbiamo fatto su misura per soddisfare le richieste del Comune e che porta tanto lavoro, tanto denaro, tante nuove cose a Milano. Non vedo chi possa opporsi ad un progetto di questo tipo. Ho fiducia che per la primavera dell’anno prossimo cominceremo a lavorare. Come spiegherò ai nostalgici di San Siro la rifunzionalizzazione del vecchio stadio? Posso dire che rimarrà una buona metà dello stadio perché noi, a parte il terzo anello che toglieremo e che è sempre stato un po’ un’anomalia del Meazza, manterremo due pareti intere. Il Meazza non è che sparirà dallo scenario, quando si arriverà al quartiere San Siro si vedrà eccome. Nelle prossime settimane sceglieremo quale dei due progetti presentati realizzeremo, perché quando cominceremo la progettazione di dettaglio dove pensiamo di spendere 40 milioni di euro non lo possiamo lavorare su entrambi“.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy